6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni

    Non solo la lussureggiante vegetazione mediterranea, le sorgenti termali e la sabbia calda e curativa attraggono i turisti, ma anche i 6 meravigliosi comuni tra mare e montagna.

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni: un’isola vulcanica nel golfo di Napoli conosciuta in tutto il mondo per le sue piscine termali e centri benessere. È la regione radioattiva più naturale in Europa, a causa dei movimenti vulcanici e della temperatura delle acque di sorgente naturali, il che è ottimo per molti problemi di salute, in particolare i reumatismi. 

    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Castello Aragonese

    Le piscine termali sono molto diffuse sin dai tempi dei greci e dei romani e restano sempre le migliori in questa regione. L’isola offre anche esempi di urbanizzazione rapida e distorta, ma ha ancora molti gioielli da offrire ai suoi visitatori come i 6 comuni isola IschiaBarano d’IschiaCasamicciola TermeForio d’IschiaIschia, Lacco Ameno e Serrara Fontana.

    6 comuni con 6 sindaci a Ischia

    Come in ogni parte d’Italia, ogni comune o città d’Ischia ha la sua tradizione unica. I festival che iniziano con la primavera continuano fino a ottobre e vengono celebrati con grande entusiasmo in piazza con musica, cibo in abbondanza e ovviamente vino in abbondanza. Ci sono 6 Comuni isola Ischia, villaggi che puoi vedere lungo la strada principale abbastanza facili da trovare. Luoghi in cui puoi andare molto facilmente, soprattutto quando vuoi esplorare luoghi tranquilli e lontani da tutti.

    Cose fare a Ischia in 3 giorni

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni
    Isola d’Ischia

    6 Comuni isola Ischia. L’isola è un bel posto per riposarsi e rilassarsi, soprattutto in primavera e in autunno. Visitare i 6 Comuni isola Ischia, aree sul Monte Epomeo e le sue sponde lussureggianti dovrebbero essere nella tua lista di cose da fare in 3 giorni. I vigneti coltivati ​​nelle zone vulcaniche sono la fonte dei vini più belli del mondo. Le persone a Ischia di solito vanno alle terme e alle spiagge, ma c’è anche un castello, giardini e una villa per coloro che amano luoghi fiabeschi.

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Sono inoltre visitabili due piccole isole Procida e Vivara, situate proprio accanto a Ischia. Visita il Castello Aragonese, situato a Ischia Ponte, non è solo un castello ma anche un complesso di epoca medievale e uno dei più grandi siti storici dell’isola. Lacco Ameno, che è molto ricco in termini archeologici, ha una delle atmosfere più belle che puoi visitare nel nord dell’isola. Forio è famosa per i suoi giardini La Mortella e le terme di Poseidon. 

    1. Goditi la magnifica natura dell’isola e le viste mozzafiato sul Golfo di Napoli.
    2. Migliora la tua salute nei famosi parchi termali d’Ischia.
    3. Visita il maestoso Castello Aragonese, considerato il simbolo dell’isola.
    4. Prendi il sole sulla spiaggia di Marina dei Maronti, lunga 5 km.
    5. Fai un picnic sulla collina di 350 metri e osserva il mare.

    1. Ischia Porto e Ischia Ponte

    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Via Roma
    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Monumenti ai caduti

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Ischia Porto, considerata la capitale dell’isola, è divisa in due città: Ischia-Porto e Ischia-Ponte. Ischia Porto è il cuore commerciale e culturale dell’isola. L’attrazione principale è il porto, che iniziò a funzionare nel 1853. È circondato da case e ristoranti accoglienti. Da qui ci sono barche per Capri, Napoli, Procida, Amalfi e Procida. La strada principale della città, Via Roma, Corso Vittoria Colonna, ospita negozi alla moda, caffè e ristoranti. Lungo la costa della città ci sono spiagge assolutamente libere.

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni
    Ischia Porto

    Le spiagge d’Ischia sono:

    1. Spiaggia degli Inglesi,
    2. Spiaggia di San Pietro,
    3. Spiaggia del Lido d’Ischia,
    4. Spiaggia di Punta Molino,
    5. Spiaggia della Mandrao,
    6. Spiaggia dei Pescatori,
    7. Spiaggia del Muro Rotto
    8. Spiaggia di Cartaromana.

    Castello Aragonese a Ischia porto

    La costruzione del castello aragonese è un messaggio simbolico di “Ischia – vicino” a chi arriva qui via mare. Da visitare assolutamente questo grandioso simbolo dell’isola verde, collegata alla terraferma da un ponte, ricostruito più volte nel corso dei secoli dopo che le acque del mare l’hanno distrutta. Nel 474 a.C a Ischia trovarono rifugio i greci, difendendosi dai nemici. Nel 1441 Alfonso d’Aragona trasformò il castello in una cittadella fortificata.

    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Ischia Ponte e castello Aragonese

    Per salire al castello, invece di un ascensore, puoi usare un tunnel scavato nella roccia. All’interno della cittadella, vedrai un tetto con dei buchi attraverso i quali i difensori della fortezza lanciavano pietre contro i nemici e lanciavano loro olio bollente. Ora il castello deve difendersi solo dai turisti che salgono per visitare la Chiesa dell’Assunta con cripta e il Monastero di Chiara, oltre che per la vista sul Golfo di Napoli.

    Cattedrale di S. Maria Assunta

    La Cattedrale di S. Maria Assunta si trova presso la Torre del Mare, una suggestiva torre di avvistamento del XV secolo, funge ora da campanile per questa chiesa, che ha lo status di cattedrale d’Ischia. Il tempio, che appare ora ai visitatori, fu costruito su progetto di Antonio Massinetti nel 1751. Sorge sul sito di due chiese precedenti, erette rispettivamente nel XIII e XVII secolo. Entrando in chiesa, decorata in uno stravagante stile barocco, troverai un antico fonte battesimale fortificato con statue in marmo e un crocifisso ligneo scuro in stile romanico.

    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Museo del Mare

    Ischia-Porto si trasferisce senza intoppi in un’altra città gloriosa, Ischia Ponte, l’attrazione principale di questo luogo, il Castello Aragonese. La parola “Ponte”, che ha ricevuto questo posto, è abbastanza chiara: deriva dal ponte che collegava il castello con l’isola.

    Acquedotto di Pilastri.

    Nel 1580 il luogo ora chiamato Ischia Ponte era conosciuto come il borgo di Chelsa. Gli abitanti del villaggio dipendevano fortemente dall’approvvigionamento idrico, che veniva loro consegnato da una sorgente nei pressi della torre di Michelangelo nei pressi di Cartaroman. Tuttavia, negli anni del bradisismo (il processo per cui la superficie della terra si solleva gradualmente a causa dell’attività vulcanica), questa fonte si è prosciugata, provocando panico e isteria tra gli abitanti del villaggio. Hanno dovuto cercare una nuova fonte per rifornirsi di acqua ogni giorno.

    La soluzione al problema fu la costruzione di un acquedotto, tuttora in piedi. Nel XVI secolo l’acqua scorreva da una sorgente attraverso il territorio di Fiaiano (quota – 400 m) fino al paese di Chelsa (l’attuale Ischia Ponte) e poi per altri 550 m. Quando fu costruito l’acquedotto fu considerato un miracolo dell’architettura. La costruzione massiccia colpisce per la sua forza e potenza. Per apprezzare appieno le dimensioni e le dimensioni dell’acquedotto, dovresti vedere quanto sia impressionante da Piano Licori. Da lì si vedono le linee rette dell’acquedotto che da Ischia Ponte si estende fino alle colline e a Fiaiano.  

    Monte Epomeo

    L’Epomeo è la montagna più alta d’Ischia. Può essere visto da quasi ovunque sull’isola. La montagna è alta 789 m (2589 piedi), domina il verde lussureggiante dei dintorni. Ci sono diversi vigneti sulle pendici della montagna. Sotto, a circa 75 metri (246 piedi) dalla cima della montagna, i pendii sono ricoperti di cenere di lava vulcanica. In una delle grotte disseminate sui pendii, le cui pareti sono ricoperte di tufo calcareo, furono costruite una chiesetta e celle eremitiche in onore di San Nicola.

    Monaci ed eremiti secolari provenienti da Ischia e da luoghi più lontani vivevano in questa grotta, meditando e svolgendo le loro attività quotidiane. La chiesa fu fondata all’inizio del XV secolo, mentre le celle furono scavate intorno al 1587. Il tempio fu edificato su iniziativa di Beatrice la Quadra, nobildonna che fondò anche un convento di suore nel castello aragonese. Le pendici dell’Epomeo sono ricche di sentieri e sentieri che vi aiuteranno a esplorare la montagna e il territorio sottostante.

    Indirizzo: Monte Epomeo, Ischia, Napoli, Italia.

    2. Forio

    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Forio: chiesa del Soccorso

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Forio è un’altra antica città sulla costa occidentale dell’isola è una dei 6 Comuni isola Ischia. Il borgo ha una ricca storia: nel VII secolo a.C. i Greci si stabilirono in questa zona dove costruirono il tempio di Venere. Forio continua a conservare tracce dell’Est (dominio turco), dei Saraceni e del feroce pirata Barbarossa. A protezione di quest’ultimo, gli abitanti della città installarono la torre della fortezza Torrione (XV secolo.) e diversi ponti di osservazione. 

    La chiesa in pietra bianca del Soccorso è uno degli oggetti che i turisti che vengono a Ischia amano fotografare. Il tempietto sorprende con il suo fascino particolare. Si trova su un promontorio a picco sul mare. La chiesa fu costruita in questo luogo per fungere da punto di riferimento per i marinai che la vedevano da lontano e sapevano che stavano tornando a casa. Il tempio è stato costruito in diversi stili architettonici. L’elemento più interessante sono i sacrifici votivi dei marinai, appesi ovunque in segno di gratitudine per la salvezza durante la tempesta. La chiesa oggi ospita una pinacoteca e un piccolo museo comunale.

    Poco distante dalla chiesa si erge la Torre del Torrione, altro simbolo d’Ischia. Per secoli salvò la popolazione di Forio e tutta Ischia, dando il primo segnale d’invasori provenienti dal mare. Forio è uno dei paesi più tranquilli d’Ischia, che offre piacevoli passeggiate, esplorando le piazze e facendo shopping nei pochi negozi della via principale. Oggi i turisti vengono lì per vedere il tempio della Madonna Intercessore, fondato nel XVI secolo. Le celebrità la preferiscono per trovare riposo: artisti, registi e scrittori.

    Spiaggia di Citara

    Citara è una delle spiagge più grandi d’Ischia. È adiacente alla città di Forio. Il percorso inizia dalla strada principale. La spiaggia ha un’ampia scelta di parcheggi, così come molti caffè, ristoranti e negozi, quindi non ti annoierai. Citara è una moltitudine di tratti di spiaggia di proprietà di ristoranti e bar. Dovrai pagare per il noleggio di lettini e ombrelloni, così come per altri servizi. Ma qui ci sono un paio di spiagge libere. Dovresti anche sapere che Chitara ospita i Giardini Poseidon Terme, uno dei migliori parchi termali dell’isola.

    Spiaggia di San Francesco

    San Francesco, spiaggia di medie dimensioni a Forio, è ugualmente adatta a famiglie, giovani e vacanzieri senior. Accanto alla spiaggia si trovano scogliere e grotte, che la rendono ideale per lo snorkeling. È inoltre possibile noleggiare una canoa o un pedalò. Le sezioni delle spiagge della costa sono sia a pagamento che gratuite. C’è un’ampia varietà di ristoranti e bar in offerta. Inoltre, tutti gli stabilimenti sono raggiungibili a piedi l’uno dall’altro. Ci sono due strade che portano qui. Quindi puoi scegliere come raggiungere la spiaggia, dove sono disponibili anche parcheggi e stazioni di taxi.

    Giardini della Mortella

    Mortella (Myrtle Gardens) è l’ex villa di Sir William Walton, compositore inglese, e Lady Susana Walton, sua moglie argentina. Subito dopo la seconda guerra mondiale, la coppia si trasferì a Ischia, che alla fine divenne il loro luogo di residenza permanente. Ora è sede della Fondazione Sir William Walton e dei Mortella Gardens, considerati una delle gemme dell’isola. Un lussureggiante paradiso tropicale ricco di piante incantevoli, fiori, fauna selvatica e uccelli colorati. Di pari interesse per i visitatori è l’ex dimora di una coppia carismatica che conduceva uno stile di vita glamour, facendo musica e giardinaggio.

    Indirizzo: Via Francesco Calise Operaio Foriano, 45, 80075 Forio NA

    Giardini Ravino

    Ravino è un giardino botanico idealmente situato in una posizione soleggiata di fronte alla Baia di Citara. Questo paradiso botanico è il frutto di 40 anni di duro lavoro del suo creatore, Giuseppe D’Ambra. In gioventù, D’Ambra era un marinaio e ha viaggiato in tutto il mondo. Fu durante i suoi viaggi e le sue avventure che ebbe l’idea di creare un ambiente in cui potesse far rivivere le meraviglie botaniche che vedeva durante i suoi viaggi.

    L’orto botanico è stato accuratamente progettato per soddisfare gli interessi dei visitatori e allo stesso tempo garantire la sicurezza e la salvaguardia dell’ambiente. La lunghezza dei percorsi accessibili ai disabili è di circa 800 m. I percorsi pedonali nel parco offrono una varietà di oggetti naturali e paesaggi di straordinario interesse. Ai reperti viventi sono allegate tavole con informazioni precise su questi rari e preziosi esemplari. La collezione di cactus e succulente è unica in Europa, in quanto è esposta accanto ai paesaggi naturali che circondano queste piante nel loro ambiente naturale.

    Indirizzo: Giardini Ravino, Via Provinciale Panza, Forio, Napoli, Italia.

    Baia di Sorgeto

    Per raggiungere la baia di Sorgeto a Ischia bisogna salire 234 gradini. Ma i vostri sforzi non saranno vani, soprattutto in bassa stagione. Le sorgenti termali che sgorgano dal terreno formano piscine naturali di varie dimensioni, adatte alla balneazione. Anche la temperatura dell’acqua al loro interno non è la stessa. Puoi scegliere l’acqua bollente, tiepida o fredda. Tutto, come nelle migliori terme, solo gratis e tutto l’anno.

    Inutile dire che la baia di Sorgeto attira folle di locali e turisti. Pertanto, non sarà facile per te trovare un posto dove mettere le tue cose. Ti consigliamo di andarci la mattina presto, la sera o anche la notte. La temperatura dell’acqua non cambia. A volte ci vanno le barche da Sant’Angelo. Ma il trasporto marittimo è soggetto a una serie di condizioni volatili, quindi assicurati che questo servizio sia disponibile.

    Indirizzo: Baia di Sorgeto Ischia, Via Sorgeto, Forio, Napoli, Italia.

    Baia della Scannella.

    La Scannella a Panza è una delle gemme nascoste di Ischia. L’acqua insolitamente limpida di questa baia attira dozzine di bagnanti, yacht e motoscafi. Questo è un ottimo posto per lo snorkeling. Ci sono diverse grotte e rocce sottomarine vicino alla baia per coloro che amano esplorare tali oggetti. La barca è il mezzo migliore per arrivare a La Scannella. Ma, se ci vai a piedi, arriverai abbastanza vicino alla baia. Ad essa conduce la strada che da Panzi.

    Parte dalla piazza principale della città e percorre via Madonna delle Grazie, che termina in riva al mare. Sul lato sinistro della strada c’è un bar-caffetteria “Lina”, sul lato destro ci sono diversi negozi e un parrucchiere. Quindi, se seguite le indicazioni che portano all’Hotel St. Leonard, raggiungerete l’hotel in circa 20-30 minuti (a seconda della vostra velocità e forma fisica). A sinistra dell’hotel c’è un ripido sentiero che porta al mare.

    Indirizzo: Hotel Club Scannella, Panza, frazione Forio d’Ischia, Napoli, Italia.

    3. Lacco Ameno

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni
    Lacco Ameno

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Questa località turistica era anticamente una colonia greca e fa parte dei 6 Comuni isola Ischia. Oltre all’acqua pulita, a Lacco Ameno i turisti celebrano la bellezza di pini e agrumeti. Il borgo era famoso per le sue ceramiche, ma questa arte è ancora molto diffusa.Gli scavi segnarono l’inizio dell’apertura del Museo Archeologico. Una sorpresa per i turisti e un oggetto di ammirazione era un enorme fungo, una roccia bizzarra ma che il terremoto di qualche anno fa ha fatto crollare. Raggiungibili a piedi uno dei parchi termali più belli dell’isola: Giardini Negombo. I giardini Poseidon, a Forio, sono raggiungibili in 15-20 minuti di auto.

    Spiaggia di San Montano

    San Montano è una delle spiagge più belle d’Ischia. Si trova nel comune di Lacco Ameno. È possibile raggiungere la spiaggia lungo una strada tortuosa, su entrambi i lati della quale crescono fiori e alberi. San Montano ha due parti. Uno di questi è aperto per l’accesso gratuito. L’altro si trova nel territorio di Negombo, uno dei migliori parchi termali dell’isola. La spiaggia è delimitata su entrambi i lati da colline boscose. Arrivando qui, puoi ammirare una vista davvero affascinante e meravigliosa sulla Baia di San Montano. 

    4. Casamicciola Terme

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Casamicciola Terme non è diversa dalle altre città dell’isola: ci sono sorgenti curative, infrastrutture ben sviluppate e, naturalmente, panorami mozzafiato. Si trova vicino a Ischia Porto, ed ha il suo porto con scalo per traghetto e barche. Nel XVIII secolo, i napoletani costruirono qui il centro termale di Pio Monte del Cairo Misericordia. Durante il terremoto del 1883, la città fu gravemente danneggiata, quindi la maggior parte delle strutture dovette essere ricostruita.

    5. Barano d’Ischia

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Barano è molto piccolo ma ha la spiaggia più estesa dell´isola, i Maronti (circa 2 km di lunghezza), una spiaggia indicata per chi è amante dell’abbronzatura ma con mare profondo.

    • Dal capolinea degli autobus di Ischia Porto parte la linea 5 che arriva a propri metri dalla spiaggia.

    Baia della Scarrupata

    La Scarrupata è una caletta situata sulla costa meridionale di Ischia. L’acqua del mare è blu brillante qui. La spiaggia di ciottoli è raggiungibile solo via mare. Sulla costa c’è un ristorante chiamato, come la baia, “La Scarrupata”, che ha un proprio molo per le barche che entrano qui. Le viste della baia si possono trovare in varie località lungo la costa meridionale. Sono particolarmente belli se visti mentre si cammina tra Schiaponne e Campagnano verso La Scarrupata.

    Terme di Nitrodi

    I romani furono i primi a scoprire le eccezionali proprietà curative delle terme di Nitrodi. Costruirono un santuario sotto gli auspici delle ninfe Nitrodi e Apollo. Ma le fonti sono davvero utili? La risposta è si. Lo conferma il ministero della Salute. Si può infatti bere anche solo l’acqua delle sorgenti termali d’Ischia.

    A cosa servono?

    Le terme di Nitrodi servono per il trattamento della diuresi, dei reni, della riduzione dell’acido urico, della gastrite, delle ulcere. Per chi è interessato solo alle proprietà estetiche, è importante sapere che l’acqua di Nitrodi rende la pelle morbida come la seta. Inoltre, può aiutare a sbarazzarsi di acne e impurità. L’acqua ha un rapido effetto curativo. La sorgente di Nitrodi non è un vero e proprio parco termale, ma un percorso immerso nella natura, dove i giardini dell’aromaterapia sono sostituiti da sentieri.

    Spiaggia dei Maronti

    Maronti, una delle spiagge più grandi d’Ischia, è raggiungibile a piedi o in auto principalmente percorrendo una strada ripida e tortuosa, al termine della quale si trovano un posteggio dei taxi, una fermata dell’autobus e diversi parcheggi sparsi sul territorio. A seconda delle dimensioni, la spiaggia è suddivisa in sezioni a pagamento e libere. C’è molto spazio per tutti per rilassarsi qui. I panorami dai Maronti sono incredibili. Dopotutto, l’insolitamente pittoresco Sant’Angelo si trova molto vicino. Per arrivare in questa città e tornare indietro, puoi prendere un taxi acqueo.

    Il costo di un viaggio di sola andata è di circa 3 euro. Proprio dietro la spiaggia dei Maronti si trova Cavascura, una sorgente naturale di acqua sorgiva. Puoi raggiungerli a piedi dalla spiaggia in 5-10 minuti.

    6. Serrara Fontana

    6 Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Serrara Fontana

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Serrara Fontana è uno dei comuni isola Ischia di soli 3000 abitanti sulle pendici meridionali del Monte Epomeo. Il comune si divide nelle frazioni di Fontana (dove sorgono numerose sorgenti), a circa 450 mt. sul livello del  mare, e Serrara dove ha sede il municipio e varie chiese.

    Città di Sant’Angelo

    Comuni isola Ischia, cosa da fare a Ischia
    Sant´Angelo

    La località più famosa e rinomata dal punto di vista turistico è però Sant’Angelo, un borgo caratterizzato da un istmo naturale di straordinaria bellezza e fascino. Una città lussuosa apprezzata da ricchi gentiluomini e VIP, nonché da coloro che sognano di nascondersi dalla folla dei vacanzieri con case colorate, e senza mezzi di trasporto. Non è facile da raggiungere. L’unico autobus sempre affollato collega Sant’Angelo e il porto d’Ischia, il viaggio dura circa un’ora. Una volta arrivato alla stazione degli autobus, puoi raggiungere a piedi la città o prendere un taxi costoso. Distanza – 1 km.

    A Sant’Angelo vi aspetta una vista da cartolina dei dintorni, mostrandovi alcune zone della costa mediterranea: case bianche o colorate, vicoli, negozi di souvenir e gelaterie, ristoranti e bar. Rispetto ad altri luoghi dell’isola, qui troverete una tranquillità impressionante e l’assenza di qualsiasi mezzo di trasporto. Nel porticciolo ci sono barche che portano i turisti alla spiaggia dei Maronti. Se ci vai per le colline, puoi fare una passeggiata nel parco termale di Afrodite e Apollo.

    Cucina dell’isola

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni e cosa mangiare. Non sorprende che la sua cucina sia associata a quella napoletana. Tuttavia, ci sono alcune ricette tipiche del posto, infatti uno dei piatti popolari è il profumato coniglio all’ischitana, che molte famiglie dell’isola cucinano tradizionalmente la domenica.

    Quale isola può fare a meno dei pesci? 

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni e cosa gustare? Calamari, ricci di mare, cozze, sgombro reale, polpo e tonno sono preparati qui in modo eccellente. Dai dessert è necessario provare il babà al rum a cui aggiungere il liquore al limone Ischitano. Puoi anche mangiare taralli, piccoli e croccanti biscotti locali. Il vino locale è famoso ovunque nel mondo. Si differenzia da tutti gli altri per il suo straordinario aroma, che si crea attraverso l’uso di spezie: rosmarino, aneto e maggiorana. Consigliamo Frassitelli, Ambra ed Epomeo. Naturalmente, come regalo dovresti prendere una bottiglia di liquore al limoncello.

    Giardini termali a Ischia

    La pittoresca isola di Ischia, che ha una grande varietà di attrazioni, è conosciuta principalmente per le sue sorgenti termali. I romani, che apprezzavano i benefici salutistici delle cure termali, conoscevano già i benefici delle acque termali di Ischia in un’epoca in cui il resto del mondo viveva ancora in uno stato di barbarie.

    1. Poseidon è forse il parco termale più famoso e più grande. Si trova nella baia di Citara, sulla costa occidentale d’Ischia. 
    2. Negombo è uno dei luoghi più popolari della regione e si trova a Lacco Ameno. 
    3. Cava Scura si trova a Sant’Angelo e probabilmente ha le migliori piscine termali in termini di trattamento ed è la più antica delle terme.
    4. Anche l’Aphrodite Thermal Park nei Maronti (vicino a Sant’Angelo) gode di un’ottima reputazione. Afrodite ha otto piscine termali e una spiaggia. 
    5. Castiglione è una piscina termale più economica e un luogo più preferito per le famiglie con bambini. 
    6. I Nitrodi di Buonopane hanno acque salutari che sono note per essere benefiche per le docce salutari e i problemi della pelle.

    Dove trovare le terme

    Ischia è in realtà un’isola vulcanica con un turismo mirato sulle terme. Non devi soggiornare in un hotel costoso per approfittare di tali bellezze termali anche se molti hanno le loro piscine termali e centri SPA, ma puoi soggiornare in un hotel economici e goderti i luoghi che forniscono tali servizi sanitari in qualsiasi momento. Il calore proveniente da fonti sotterranee che nessuno vede riscalda le terme e rimedia a tutti i tipi di malattie. 

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Al giorno d’oggi, il turismo, che è la principale fonte di sostentamento dell’isola, sopravvive grazie a oltre 100 sorgenti termali e hotel di proprietà di gran parte di essi. La popolazione, che normalmente è 60.000, è la stagione più alta in estate, oltre 6 volte questa cifra. L’isola d’Ischia è un’isola popolare per i turisti stranieri che cercano una vacanza calma e pacifica con le sue bellissime spiagge sabbiose, centri termali curativi, strutture per sport acquatici e natura. 

    Cosa offrono i parchi termali d’Ischia?

    I biglietti d’ingresso sono costosi, ma puoi scegliere tra piscine con diverse temperature dell’acqua, cascate, percorso Kneipp, saune o una visita a una spiaggia privata in riva al mare. Offre inoltre servizi di bellezza e benessere: massaggi, fanghi, corsi di ginnastica e molto altro. I parchi ei giardini dispongono di terrazze con lettini, ombrelloni di grandi dimensioni, ristoranti e bar.

    Trasporti

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni e come muoversi. Gran parte del traffico dell’isola, principalmente traghetti e bus d’acqua, è diretto a Porto d’Ischia. Ci sono autobus frequenti tra queste due regioni, anche se economici, possono essere un pò affollati.

    Cosa fare a Ischia nei 6 Comuni in 3 giorni?

    L’isola d’Ischia è un luogo adatto a tutti, dai giovani agli anziani e soprattutto ai bambini, perché in tutta l’isola è una zona pedonale per i pedoni e in certe ore del giorno, queste strade sono completamente chiuse al traffico. Le famiglie possono godere di foreste di pini, magnificamente conservate. Sebbene l’intera isola abbia una dimensione di 46 kmq, in ogni angolo si trova una bella sorpresa.

    6 Comuni isola Ischia, cosa fare in 3 giorni. Le attrazioni sono disseminate nei piccoli centri dell’isola, offrirà a ogni turista ogni tipo di svago, da angoli calmi e tranquilli con panorami affascinanti a luoghi dove la vita infuria senza sosta grazie a una varietà di negozi, ristoranti, bar e club.

    Related Articles

    8 Commenti

    1. I miei vicini di casa vanno da anni a Ischia proprio per i suoi parchi termali. Ci vanno durante la stagione autunnale perché c’è meno confusione e si possono davvero rilassare. Loro mi sembra vadano sempre a Sant’Angelo. Piacerebbe anche a me una volta andarci e scoprire questa bellissima isola. Mi salvo il tuo articolo con tutte le indicazioni che mi torneranno sicuramente utili.

    2. Sono stata ad Ischia un paio d’anni fa, a giugno, per Ischia Film Festival. Nel mio albergo c’erano 3 piscine e ho visto i Giardini Poseidon, molto belli, però va bene per coppie o famiglie, un giovane che vuole vita notturna vivace qui ne trova poca. Quest’anno poi con il covid anche alcuni parchi termali erano chiusi.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui