7 Leggende sulle crociate da sfatare

7 Leggende sulle crociate da sfatare

7 Leggende sulle crociate da sfatare

Più di novecento anni fa, migliaia di europei partirono per riconquistare il Santo Sepolcro e molte leggende si svilupparono attorno al movimento crociato

Leggende sulle crociate che le avvolse in una sorta di aura romantica. La realtà si è rivelata diversa. Le crociate iniziarono nel 1096 e finirono nel 1272. Le Crociate divennero parte integrante della storia del Medioevo. Nei secoli XI-XV, gli europei intrapresero una serie di campagne militari contro i musulmani. L’obiettivo principale era quello di restituire ai cristiani la Terra Santa, Gerusalemme con il Santo Sepolcro. È lontana da ciò che la conosciamo dai film e dai romanzi d’avventura. Qual è la vera storia delle Crociate? 

7 Leggende sulle crociate da sfatare

La visione moderna delle Crociate nasce durante l’Illuminismo del XVIII secolo. Per la maggior parte dei filosofi, come Voltaire, le Crociate furono un massiccio movimento di barbari guidati dal fanatismo, dall’avidità e dalla lussuria. Durante il periodo romantico e all’inizio del XX secolo, furono elogiati come prodotti della nobiltà (ma non della fede). Tuttavia, dopo la seconda guerra mondiale, l’opinione pubblica si rivolse decisamente contro di loro. Dagli anni ’70, le Crociate hanno attirato l’attenzione di molti scienziati che le hanno studiato nei minimi dettagli. Di conseguenza, ora sappiamo molto di più sulle guerre sante del cristianesimo che mai. Ecco alcune delle leggende più comuni e perché queste non sono vere.

Le Crociate raccontate da Alessandro Barbero [2008]

1. Le crociate furono il primo scontro tra cristiani e musulmani

Le crociate furono un tentativo di proteggere l’Europa dai musulmani. Sin dai tempi di Maometto, i musulmani hanno cercato di conquistare la cristianità. Per diversi secoli di continue campagne di conquista, gli eserciti musulmani catturarono tutto il Nord Africa, il Medio Oriente, l’Asia Minore e quasi tutta la Spagna. alla fine dell’XI secolo, le forze dell’Islam avevano occupato i due terzi del mondo cristiano. La Palestina è la terra natale di Gesù Cristo, l’Egitto è il luogo di nascita del monachesimo cristiano.

7 Leggende sulle crociate da sfatare
Le conquiste del califfato arabo: dalla nascita dell’Islam nel 610 al 750. Immagine: Wikimedia Commons

Gli imperi musulmani continuarono il loro assalto dirigendosi a ovest verso Costantinopoli, attraversandola e invadendo l’Europa. A questo punto ciò che restava del mondo cristiano fu costretto a difendersi o a morire, divenendo vittima della conquista islamica. La prima crociata fu convocata da papa Urbano II nel 1095 in risposta alle insistenti richieste di aiuto dell’imperatore bizantino di Costantinopoli. Urbano invitò i cavalieri della cristianità a venire in aiuto dei loro fratelli orientali. La campagna doveva essere una questione di misericordia, per liberare i cristiani d’Oriente dagli invasori musulmani. In altre parole, fin dall’inizio, le crociate furono una guerra difensiva. 

2: I crociati indossavano croci, ma in realtà erano interessati solo a trofei e terre.

Un tempo, gli storici credevano che la crescita della popolazione dell’Europa portasse a una crisi: c’erano troppi nobili “secondi figli” formati al cavalierato, ma non ereditavano terre feudali. Le crociate, quindi, sembravano loro uno sbocco di sicurezza che permettesse loro di mandare questi guerrieri gentiluomini lontano dall’Europa, dove avrebbero potuto procurarsi terra a spese di qualcun altro. Con l’avvento dei database informatici, gli scienziati moderni hanno distrutto questo mito e hanno definito l’aspettativa di vita e morte del Medioevo. Ora sappiamo che furono i “figli maggiori” d’Europa a rispondere alla chiamata del Papa nel 1095, e così fu durante le successive campagne. La partecipazione alla crociata era incredibilmente costosa. Per raccogliere i fondi necessari per questo, i proprietari hanno dovuto vendere o ipotecare le loro terre. 

7 Leggende sulle crociate da sfatare
I crociati indossavano croci

Sebbene, naturalmente, i crociati sognassero le incalcolabili ricchezze delle fiorenti città orientali, quasi nessuno di loro riuscì nemmeno a recuperare le spese. Ma il denaro e la terra non erano la ragione principale per cui parteciparono alla crociata. Invece, volevano espiare i loro peccati e ottenere la salvezza compiendo buone azioni in terre lontane. Dal punto di vista dell’arricchimento, le crociate furono estremamente inutili. La maggior parte è tornata senza nulla o è andata in rovina.

3: I crociati erano solo una forma medievale di colonialismo, vestiti con abiti religiosi.

L’Occidente medievale non era una potente cultura dominante che invadeva una regione primitiva e arretrata. L’Oriente musulmano era potente, ricco e prospero. L’Europa era il “terzo mondo”. i costi delle crociate necessarie per sostenere l’Oriente latino erano un onere significativo per le risorse dell’Europa. L’obiettivo finale dell’esistenza degli stati crociati era proteggere i luoghi santi della Palestina, in particolare Gerusalemme, e fornire un ambiente sicuro per i pellegrini cristiani che li visitavano.

7 Leggende sulle crociate da sfatare
Una battaglia della seconda crociata; illustrazione tratta da Histoire d’Outremer di Guglielmo di Tiro

Alla fine dell’XI secolo in Europa si formò la cavalleria che assunse i primi ruoli nell’esercito, esercitandosi a speronare con una lancia (un tale colpo, a giudicare dall’arazzo di Bayeux, non era ancora stato usato nell’esercito di Guglielmo il Conquistatore). Ma le tattiche di combattimento e il complesso di armi ed equipaggiamento non sono tutto. Apparve un codice di condotta della cultura cavalleresca come la ”poesia cortese” mentre l’araldica si sono sviluppati più tardi. Allo stesso tempo, il numero dei castelli aumentò notevolmente. La motivazione dei crociati non può essere determinata in modo univoco. Qualcuno è andato per la preda, qualcuno per la gloria. Qualcuno aveva bisogno dell’assoluzione promessa dal Papa. 

4: I crociati uccisero uomini, donne e bambini di Gerusalemme

7 Leggende sulle crociate da sfatare
7 crociata

Dopo che i crociati presero Gerusalemme, molti furono i morti nella città. Ma questo va inteso in un contesto storico. Lo standard morale generalmente accettato di tutte le civiltà europee e asiatiche fino ai tempi moderni era che una città che ha resistito ed è stata presa con la forza appartiene ai vincitori. Ciò includeva non solo edifici e beni, ma anche residenti. Nel caso di Gerusalemme, i suoi difensori hanno resistito fino all’ultimo. Speravano che le enormi mura della città avrebbero trattenuto i crociati fino al momento in cui sarebbero arrivati ​​gli aiuti dall’Egitto. in quelle città musulmane che si arresero ai crociati, nessuno toccò gli abitanti, conservarono le loro proprietà e potevano praticare liberamente la loro religione.

5: Le crociate furono dirette anche contro gli ebrei.

Nessun Papa ha mai convocato una crociata contro gli ebrei. Durante la prima crociata, una banda di feccia della società, non collegata all’esercito principale, arrivò nelle città della Renania e decise di saccheggiare e uccidere gli ebrei che vi si trovavano. Papa Urbano II e i suoi successori condannarono fermamente gli attacchi agli ebrei.

6: Le crociate furono così crudeli e disgustose che ebbe luogo anche una crociata per bambini.

La “Crociata dei bambini” del 1212 fu un focolaio particolarmente grande di entusiasmo religioso popolare in Germania, nella quale un certo numero di giovani, per lo più adolescenti, si sono dichiarati crociati e si sono diretti verso il mare. Lungo la strada incontrarono un massiccio sostegno da parte della popolazione, oltre a molti banditi, rapinatori e mendicanti che si unirono a loro. In Italia, Papa Innocenzo III non la dichiarò crociata. Al contrario, ha più volte esortato coloro che non portano armi a rimanere a casa, contribuendo allo sforzo bellico attraverso il digiuno, la preghiera e l’elemosina. In questo caso, ha elogiato lo zelo dei giovani che avevano viaggiato così lontano.

7: I musulmani hanno tutte le ragioni per odiare l’Occidente.

Il mondo musulmano ricorda le Crociate allo stesso modo dell’Occidente, cioè in modo sbagliato, perché traggono la conoscenza delle Crociate dallo stesso lavoro storico errato su cui si basa l’Occidente. Un tempo, il mondo musulmano era orgoglioso delle Crociate come della sua grande vittoria. Dopotutto hanno vinto loro, alla fine.

7 Leggende sulle crociate da sfatare

Tuttavia, vale la pena ricordare che esiste una verità storica che può distruggere le delusioni, i miti e le finzioni più stupidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *