Castelli medievali 13 curiosità interessanti

    Castelli medievali creati come mezzo per fornire protezione a se stessi e ai loro cari, in modo che in caso di attacco, sia da parte di truppe nemiche, sia da parte di predoni e banditi, fosse possibile nascondersi e respingere con successo l’attacco d’intrusi.

    Castelli medievali 13 curiosità sulle fortificazioni iniziate a essere costruite nel IX secolo da re o da una ricca nobiltà e in uso per i prossimi 900 anni. I castelli sono probabilmente gli edifici più iconici dell’Europa medievale che sembrano qualcosa di favoloso: merlature ricoperte di muschio, un ponte scorrevole sul fossato, un nobile cavaliere in armatura che si precipita a liberare la bellezza imprigionata nella torre ma non tutto era così romantico. 

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sul sistema difensivo

    1. Come nacquero i castelli medievali?

    I primi castelli furono i forti romani, riutilizzati dai Normanni dopo l’invasione dell’Inghilterra nel 1066. Sebbene i Normanni fossero i principali costruttori di castelli nel Medioevo, fu più facile per loro trasferirsi in strutture preesistenti nonostante fossero in rovina.

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti
    Prime fortificazioni, note come motte e bailey lock

    Castelli medievali 13 curiosità: I Normanni costruirono le loro prime fortificazioni, note come motte e bailey lock, costituite da due parti: la “motte” era un grande e arrotondato mucchio di terreno su cui era costruita una fortezza in legno, circondata da un muro difensivo in legno, mentre il “bailey” era la parte esterna del castello, occupata da gente comune e animali. Il ponte che separava la motta dal cortile poteva essere rimosso in caso di pericolo, una tattica utile durante un assedio. L’intera struttura era spesso circondata da un fossato e l’accesso era assicurato da un ponte levatoio.

    2. Dove nascono i primi castelli?

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti tra cui il potere difensivo. La scelta del luogo giusto dove sarebbe stata collocata. i castelli divennero inespugnabili per un luogo ben scelto per la sua costruzione. Il più adatto per la costruzione del castello era una ripida collina alta, un pendio o roccia, a cui è quasi impossibile avvicinarsi anche senza fortificazioni che si raggiunge con strade tortuose. Fu proprio la presenza di questi criteri a determinare nella maggior parte dei casi l’esito delle battaglie medievali.

    • Alcuni castelli furono costruiti vicino al mare, un luogo che serviva a un duplice scopo: permetteva di osservare eventuali invasioni marittime in arrivo, e avrebbero dimostrato forza militare.
    • I castelli erano spesso costruiti anche sulle colline per consentire ai suoi abitanti di vedere per miglia da una grande altezza. Qualsiasi attaccante poteva essere facilmente individuato e iniziavano i preparativi per la difesa.

    3. Come veniva difeso il castello medievale?

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti tra cui la progettazione della fortificazione, perché è anche un aspetto importante per la difesa del castello. Il muro difensivo circolare dei castelli di pietra era profondo fino a due metri. I castelli di pietra potevano resistere agli assedi per mesi, anche se bombardati da lanciarazzi, come l’assedio del castello di Harlech, che ha tenuto a bada gli aggressori per quasi un anno: il castello alla fine è crollato a causa della scarsità di cibo.

    4. Il costo di costruzione e manutenzione dei castelli era di circa il 40% del reddito annuo del re

    Costruire castelli era un lusso che pochi nobili potevano permettersi. Il castello di Dover nel Kent era uno dei castelli più costosi mai costruiti. La costruzione di serrature più piccole poteva costare circa £ 1.000. Il passaggio dal design a motte e bailey alla pietra è stato costoso: mentre le strutture in legno del primo erano economiche, rapide e facili da costruire, il secondo prevedeva il pagamento di opere in pietra, trasporti, miniere e più forza edile.

    5. Il portone d’ingresso

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti tra cui il portone, il punto più debole del castello, che fu progettato in modo speciale. Nel cinema moderno, la cui trama si svolge in epoca medievale, si vedono castelli con ampi portoni che si chiudono su grandi porte a libro in legno robusto con un potente chiavistello. Ma nei veri castelli del secondo millennio d.C., l’ingresso centrale, che è la porta della fortezza, è stato progettato sulla base di calcoli particolari tenendo conto di due condizioni: abbastanza larghi per permettere entrata e uscita di carri, e abbastanza stretti da impedire ai soldati nemici d’insinuarsi all’interno. 

    6. I servizi igienici erano nell’armadio

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti
    Toilette del castello

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti tra cui l’igiene nel Medioevo. I problemi di pulizia sono leggendari: problemi di rifiuti, sporcizia e odori sgradevoli facevano parte della vita quotidiana delle persone di quel periodo. I servizi igienici consistevano in un piccolo spazio che sporgeva dal muro chiamata “Le privas” o latrine che, spesso condividevano lo stesso spazio degli effetti personali dei residenti in stanze chiamate “spogliatoi o guardaroba”. All’interno dello spogliatoio c’era un buco del gabinetto attraverso il quale le persone spingevano la spazzatura che cadeva nel fossato. I vestiti venivano tenuti vicino al gabinetto per evitare che gli insetti li danneggiassero, l’idea era che l’odore fosse un deterrente.

    7. Le scale ruotavano sempre in senso orario

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti
    Le scale ruotavano sempre in senso orario

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sulle scale a chiocciola che facevano parte del sistema di difesa interno del castello costruite a forma di spirale che ruotavano sempre in senso orario. Salire su una scala che gira in senso orario, uno spadaccino destrorso avrebbe avuto molte difficoltà a muoversi. Per lo stesso scopo, le scale a chiocciola erano spesso dotate di gradini di dimensioni diverse. Questo non avrebbe alcun effetto su nessun soldato che impugna una spada nella mano sinistra.

    8. Ogni castello medievale aveva un pozzo

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sul pozzo, la parte più vulnerabile della fortezza, ma erano il principale approvvigionamento idrico in tempo di guerra e di pace. Durante l’assedio il pozzo del Castello forniva acqua anche agli abitanti dei rifugi all’interno delle mura castellane. Tuttavia, i pozzi non erano l’unica fonte d’acqua nei castelli medievali: i residenti locali installavano anche appositi contenitori in cui raccoglievano e conservavano l’acqua piovana.

    9. Cibo in abbondanza

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sul cibo medievale. Per quanto strano e improbabile possa sembrare, rifornire di cibo l’equipaggio del castello era un compito più facile che nutrire l’esercito assediante. Ogni fortezza aveva un magazzino d’assedio con polli, maiali e bovini durante l’assedio. Gli animali venivano portati lì non appena la notizia dell’imminente attacco arrivava ai difensori. Nel frattempo, l’esercito attaccante poteva contare solo sui propri rifornimenti e nei dintorni deserti, dove era difficile procurarsi grandi quantità di cibo.

    10. I castelli avevano entrate e uscite segrete

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sulle segrete e sotterranei. La tendenza a progettare passaggi nascosti nei castelli del Medioevo era abbastanza comune. Il motivo principale della loro apparizione era, ovviamente, il desiderio di avere, per ogni evenienza, l’opportunità di scivolare via silenziosamente dal nemico lungo corridoi segreti. L’ingresso segreto principale era noto come postierla. Piccolo e facile da difendere, era spesso assicurato con grate metalliche e protetto da merli sovrastanti, tradizionalmente adagiato alla base delle mura del castello.

    11. Le pareti interne del castello dipinte con colori vivaci

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sugli interni. La maggior parte di noi è sicura che i castelli medievali, come l’epoca stessa, che nel Rinascimento chiamano “tempi bui”, fossero altrettanto cupi e grigi, o al massimo marroni. Le persone medievali amavano i colori vivaci, e le pareti interne erano intonacate e dipinte, spesso con affreschi elaborati, colori luminosi e costosi. Dopotutto, il castello era un simbolo della ricchezza e del potere del suo proprietario. Purtroppo tali decorazioni non sono state preservate fino ai nostri giorni.

    12. Le grandi finestre inesistenti nei castelli medievali.

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti
    Finestre nei castelli medievali.

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sulle finestre dei castelli nel Medioevo totalmente assenti per un motivo. Oltre allo scopo difensivo, le strette aperture delle finestre proteggevano l’intimità degli abitanti del castello. Se ti imbatti in un edificio del castello con lussuose finestre panoramiche, molto probabilmente sono apparse in un secondo momento.

    13. L’assalto a un castello medievale poteva durare anni

    Nella maggior parte dei film di ambientazione medievale, il processo per prendere d’assalto il castello richiede solo un paio d’ore. Tuttavia, in realtà, non tutto è stato così semplice e rapido. Fonti storiche affermano in modo imparziale che l’assedio del castello nel medioevo fu una delle principali forme di ostilità, per cui ognuna di esse fu sviluppata con particolare cura. 

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti
    Trabucco in un’incisione medievale

    Castelli medievali 13 curiosità interessanti sugli assedi e attrezzature per asserragliare i castellani. Per sfondare le fortificazioni difensive del castello venivano fatti calcoli precisi sul rapporto tra il trabucco, cioè la macchina da lancio, e lo spessore delle mura della rocca che avrebbero preso. Il trabucco richiedeva almeno diversi giorni e, molto spesso, diverse settimane per essere costruito. Pertanto, l’assedio stesso durava spesso mesi o addirittura anni. 

    3 Commenti

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Cristina Giordano
    Cristina Giordano
    Sono Cristina dalla Campania. Scrivo in SEO per il blogMag Appunti sul Blog. Lo sbocco naturale della mia passione per i viaggi, bellezza e benessere, moda e alimenti. Appassionata di Tecnologia, smartphone e App convinta che senza non possiamo vivere bene. Contattami per contenuti Web su [email protected]