Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti

    Una località balneare termale a Napoli molto frequentata nell’antichità di grande valore archeologico con oggetti nascosti sott’acqua. Si possono visitare i ruderi di una zona residenziale, il castello del Ninfeo e il Santuario di Serapide.

    Cosa vedere a Baia Napoli città sommersa termale, 5 siti di una località balneare situata sulla penisola di Cuma all’estremità settentrionale del Golfo di Napoli che, a causa dell’attività vulcanica, andò sott’acqua diversi secoli fa. Meta di vacanza preferita dei nobili, la località balneare di Baia è ancora oggi una località turistica popolare, alcuni dei suoi inestimabili reperti storici sono nascosti sott’acqua.

    Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti
    Cosa vedere a Baia Napoli città sommersa termale

    Cosa vedere a Baia Napoli? Da visitare sia a piedi che in immersione il Parco Archeologico dei Campi Flegrei che si estende tra Pozzuoli, Cuma e Capo Miseno, sopra la baia di Pozzuoli si erge il Castello Aragonese di Baia sede del museo, edificato alla fine del XV secolo dalla dinastia aragonese, il Tempio di Serapide, detto il “Macellum” (mercato), oggi conosciuto come Serapis, e il Rione Terra che servì anche come fortezza difensiva. Nei dintorni di Baia il cratere fumante attivo del vulcano Solfatara, la Solfatara, si trova nei pressi di Pozzuoli. 

    Storia di Baia

    Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti
    Cosa vedere a Baia Napoli città sommersa – Macellum (Tempio di Serapide)

    L’antica città romana divenne nota grazie alle ricche sorgenti termali vulcaniche durante la Repubblica Romana nel I secolo a.C., superando in popolarità l’isola di Capri, Pompei ed Ercolano. Ai politici romani come Pompeo, piaceva venire qui per godersi l’indulgenza, lontano dalle strette contese della capitale, anche Cesare aveva la sua villa privata, e Adriano morì nel suo palazzo a Baia.

    Quello che in origine era un piccolo villaggio di pescatori sul Mar Mediterraneo si trasforma in un grande e lussuoso resort termale! Baia è ancora piu nota per l’estrema corruzione e pigrizia, in città vivevano persone ricche estremamente disoneste. Secondo alcune testimonianze, anche in epoca preistorica, qui lavoravano centinaia di officine, dove venivano realizzate copie di statue inestimabili e altri cimeli storici.

    Il commercio di falsi manufatti era su una scala incredibile, una parte significativa di essi veniva fornita ai mercati di Roma, il che portò alla prosperità di Baia. L’antica città viveva in un’atmosfera costante di ozio e piacere; qui furono eretti palazzi molto belli, la cui lussuosa decorazione sarebbe stata l’invidia di molti palazzi reali. Al declino dell’Impero Romano, la città fu distrutta e alla fine cadde in rovina.

    Cosa vedere a Baia Napoli città sommersa termale

    Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti - Statua di Dioniso nella città sommersa di Baia
    Statua di Dioniso nella città sommersa di Baia

    Cosa vedere a Baia Napoli? Il centro della città antica è la Baia di Pozzuoli, molto frequentata dai subacquei e situata a solo cento metri dalla costa. Durante l’immersione si possono vedere i resti di antichi edifici, decorati con stupendi mosaici, nonché i frammenti superstiti di ville lussuose, che oggi sono diventate dimora di una vita marina esotica. Sopravvissute durante l’allagamento della città, ci sono belle statue antiche che si ergono con orgoglio su piedistalli di pietra indistruttibile per più di mille e mezzo anni. 

    Tuttavia, diversi grandi terremoti nel IV secolo hanno causato un effetto ammortizzante (bradisismo). Il risultato dei saliscendi della falda ha fatto sprofondare la costa di questa zona. Nell’VIII secolo gran parte di Baia era sprofondata in mare.

    Parco Archeologico delle Terme di Baia

    Nel 1941 iniziarono i lavori archeologici sulle rovine dell’antico complesso termale romano. Il livello superiore diventa un parco archeologico, il Parco Archeologico delle Terme di Baia mentre la parte dello strato inferiore sprofonda sotto il mare. C’è anche la fata dell’acqua, la pozza sorgiva dell’imperatore Claudio Ninfeo. Lo scavo di sorgenti termali e prese di vapore in periodi diversi rende gli edifici dello stabilimento balneare disordinati.

    Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti
    Parco Archeologico delle Terme di Baia – Terme di Diana

    Cosa vedere a Baia Napoli? Il complesso Baia Romana Terme può essere suddiviso in sei aree dall’alto verso il basso collegati tra loro da scale e sentieri. Più a nord, fuori dal parco il Tempio di Diana con solo metà della cupola, nome dato dal murale interno raffigurante scene di caccia. Ma in realtà è la piscina dello stabilimento balneare, che ora è proprietà privata.

    Cosa vedere a Baia Napoli? Dopo essere entrati nell’ingresso, venendo dalla prima parte del piano superiore, chiamata zona della villa del chiostro, si trova il settore della villa dell’Ambulatio. L’epoca di costruzione può essere fatta risalire alla fine del II secolo a.C., chiamato a causa dell’ovvia ambulatio (ambulatio);

    Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti
    • Villa dell’Ambulatio è costituita da due grandi corpi di fabbrica, disposti a gradoni su 6 piani. La camera degli ospiti si trova in cima al chiostro ed è una vera e propria camera deluxe con vista sull’oceano. Ci sono suite, balconi con giardino e saloni con vista sul mare, statue in tutta la villa, laghetti e murales dipinti sulle pareti delle stanze. Il pavimento è in marmo pregiato oa mosaico bianco e nero; Il rimanente porticato romano, Criptoportico è un passaggio segreto di benvenuto con steli e pezzi di statue sparsi ovunque. L’enorme muro rivela il modo unico di costruire le mura in epoca romana, l’ Opus reticulatum è una grande torre d’acqua sopra, conserva l’acqua potabile fresca inviata dalla diramazione del ponte sul corso d’acqua Aqua Augusta che forniva a tutta la città termale!

    Continuando ad andare verso sud si raggiunge la seconda area del piano superiore.

    • Questa è il Settore delle Terme di Sosandra. Il nome deriva dalla famosa statua, Afrodite Sosandra, scoperta dalla sala principale nel 1953, Afrodite, il dio della bellezza che ha redento gli uomini, era una replica della statua greca nel V secolo a.C. a Roma nel II secolo esistente nel Museo Archeologico di Napoli; Le Terme di Sosandra è una serie di stabilimenti balneari. Dai complessi canali e dalla struttura di riscaldamento, puoi vedere la squisitezza del progetto delle terme romane! C’è una lunga scala verticale che raggiunge il livello successivo dei due rioni, che sono il giardino e la terrazza panoramica;

    Vai a destra e continua a visitare la zona delle Terme di Sosandra. Dalla terrazza panoramica si gode di una vista panoramica della Baia di Baia e dell’intero parco!

    • Baia era famosa per la copia di statue in bronzo di famosi greci dell’epoca. Dalle Terme di Sosandra sono state rinvenute numerose repliche in marmo, oggi conservate nel museo, La statua senza testa di Mercurio, il dio del commercio, si trovava in una delle stanze ma fu rubata da un ladro che ha fatto irruzione di notte nel 1980, in seguito è stata trovata in Germania ed ora si torna al Museo Archeologico di Napoli!

    Prosegui fino alla parte più meridionale del piano superiore, questa zona è chiamata la piccola zona termale, Settore delle Piccole Terme.

    • Il Settore delle Piccole Terme non è solo la zona più antica dell’intera città termale, puoi anche vedere il raro bagno turco, laconicum, che utilizzava i tubi dell’aria calda della sorgente calda nel sottosuolo per riscaldare il pavimento sopraelevato.

    Davanti a Piccole Terme c’è un’ampia terrazza dove gli ospiti possono uscire e ammirare l’intera villa termale e il Golfo di Napoli. Da qui parte un’altra scala che porta al livello successivo, da queste si vedono chiaramente le Terme di Sosandra fine del livello successivo, con la Fata dell’Acqua e Teatro dello Stagno della Sorgente, Teatro Ninfeo. C’è un posto a teatro semicircolare, con una grande piscina circolare al centro!

    • Settore di Venere. Il livello inferiore di Piccole Terme è l’area del Tempio di Venere, puoi vedere il Tempio di Venere ottagonale e le due colonne romane rimaste accanto ad esso. Ma ora le fondamenta dell’edificio sono affondate tre metri sotto la strada!
    • Piscina all’apertoNatatio. continuando a scendere di un livello le scale, il livello successivo del Teatro Ninfeo è la piscina all’aperto, Natatio, Il vero fondale di Natatio è di 7 metri più basso di quanto visto finora. Ma non si può scavare, perché è a pochi centimetri sul livello del mare. Il tiranno Nerone usò la piscina per tenere uno spettacolo di battaglia navale! Natatio è circondata da colonnati e attualmente è stato ricostruito solo l’angolo occidentale. I murales sotto il chiostro possono essere visti in due diversi stili di divinità tradizionali romane ed egiziane, testimonianza dell’influenza dell’Egitto sull’impero dopo essere diventato una provincia di Roma!
    • A nord lungo il colonnato di Natatio, si arriva nell’area del parco sotto Villa dell’Ambulatio, Giardino delle Terme Romane di Baia. C’è un bellissimo porticato in mattoni rossi sul lato est del parco , che conduce alla zona più settentrionale.
    Cosa vedere a Baia Napoli sommersa 5 siti
    Tempio di Mercurio con cupola
    • Zona del Tempio di Mercurio. I due rimanenti edifici termali a volta tubolare sono quasi sommersi dal terreno! Il grande edificio a cupola accanto a questo è il Tempio di Mercurio, in realtà non è un tempio ma un grande stabilimento balneare, con piscina fredda, frigidarium. L’altezza della cupola è ridotta a causa della sedimentazione del terreno e dell’accumulo di fango. Ha un diametro di circa 21,5 metri ed è più piccolo del Pantheon romano, ma costruito 150 anni prima. Intorno furono aperte quattro finestre e sulla cupola fu lasciato un enorme lucernario circolare. Non solo la funzione di illuminazione, ma anche la dimensione dell’apertura di controllo esterna per regolare la temperatura interna.
    • Il Tempio di Mercurio ha un ottimo effetto polifonico e si chiama piscina dell’eco! In un angolo c’è ancora una piccola sorgente con acqua calda, in modo che la piscina interna abbia una profondità sufficiente. Sul lato est dell’area del Tempio di Mercurio, ci sono ancora resti degli edifici in mattoni rossi delle terme.

    Sali infine le lunghe scale e torna al Criptoporticum, uscendo dai pressi dell’originario ingresso.

    Cosa vedere a Baia Napoli città sommersa termale

    Cosa vedere a Baia Napoli città sommersa termale

    Cosa vedere a Baia Napoli? Per visitare il parco archeologico bisogna salire e scendere il ripido pendio, e c’è solo un’entrata e un’uscita. Il Parco Archeologico di Baia è circondato da una fitta macchia mediterranea e gode di un’ampia vista sul mare. I ricchi reperti architettonici delle terme hanno ancor più testimoniato la gloriosa civiltà dell’antica Roma. È un luogo di pellegrinaggio imperdibile per i fan dell’Impero Romano!

    Dove si trova Baia?

    Cosa vedere a Baia Napoli? Baia è una località balneare situata nelle vicinanze di Napoli, una delle più importanti aree archeologiche nei dintorni di Napoli, una parte di essa è situata sott’acqua ed è disponibile per le immersioni. Le attrazioni a terra includono il castello, il Ninfeo, il Santuario di Serapide e le rovine dell’area residenziale Rione Terra.

    • 7 km a ovest di  Pozzuoli
    • 25 km a ovest di Napoli

    Trasporti:

    • Da Napoli, prendere la metropolitana fino alla stazione di Montesanto e poi il treno della linea Cumana in direzione Torregaveda, scendere alla stazione di Lucrino, e prendere lo stesso autobus EAV dalla stazione fino all’ingresso del Parco Archeologico;
    • Ingresso da visitare: al livello più alto a nord, si entra da Via Terme Romane
    • Orari di apertura: da martedì a domenica, dalle 9:00 a un’ora prima del tramonto, lunedì chiuso;
    • Costo del biglietto: 4€ / 2€, gratuito la prima domenica di ogni mese;
    • Biglietto cumulativo per le attrazioni archeologiche dei Campi Flegrei (Cumulativo Circuito Flegreo), il Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia, l’Arena Romana di Pozzuoli (Anfiteatro Flavio di Pozzuoli), 4 sedi nel Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia e nel Parco Archeologico di Cuma (validità 2 giorni).

    Related Articles

    3 Commenti

    1. Che meraviglia, sarebbe bellissimo poter visitare tutta questa bellezza! Un giorno devo decisamente organizzare un viaggio e scoprirle dal vivo.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui