Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare?

Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare?

Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare?

I centri tricologici sono una realtà ben radicata su tutto il territorio italiano ma i migliori sono sicuramente oltralpe, addentrandoci nel territorio Svizzero.

Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare? Si tratta di centri specializzati nella cura e nel trattamento delle problematiche di capello e cuoio capelluto.

Si parla spesso di capelli senza saperne nulla, esistono molti luoghi comuni che i professionisti dell’universo tricologico sono pronti a sfatare: questi centri si occupano non solo di calvizie ma anche del benessere dei capelli sfibrati e bistrattati e di casi di malattie autoimmuni – come alopecia – o neoplasie che richiedono una cura chemioterapica, colpevole purtroppo della caduta dei capelli come effetto collaterale.

Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare?
Caduta dei capelli: cosa fare

A volte, complici trattamenti fai da te o troppo aggressivi, i capelli, specie i più fini, tendono a sfibrarsi e a trasformarsi in un indistinto nido di rondine: in questi casi il consiglio è quello di rivolgersi a uno dei tanti centri specializzati.

Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare? Ne è un esempio il centro tricologico a Lugano Revalhair di Lugano, elogiato per la serietà e professionalità dei suoi Hair Specialist laureati in scienze biologiche, i cui punti forti sono competenza, innovazione e attenzione per i dettagli; qui si prenderanno cura di te con trattamenti personalizzati a seconda della problematica e del tipo di chioma.

Fisiologia del capello: com’è fatto

I capelli sono costituiti da due diverse strutture: il follicolo pilifero, che si trova nel derma – quindi sottopelle – e contiene le cellule staminali, che garantiscono la produzione dei nuovi capelli; il fusto, è invece la parte filamentosa che si estende sopra la superficie della pelle (epidermide).

Il capello è quindi composto da bulbo pilifero, radice e fusto: quest’ultimo è il capello visibile esternamente ed è di fatto la parte morta; la radice invece è innestata nella cute, all’interno del follicolo, da essa dipendono vita e crescita del capello; infine il bulbo si trova nel follicolo pilifero, qui troviamo la papilla dermica che nutre il capello ed dà origine al processo di cheratinizzazione.

Il capello è poi composto di 4 elementi (cheratina, melanina, lipidi e minerali) che ne decidono forma e colore.

La cheratina rende il capello impermeabile, elastico e robusto, ma fattori genetici e metabolici influenzano il processo di cheratinizzazione, per questo c’è la possibilità che si creino delle anomalie al fusto del capello.

La melanina dona invece colore ai nostri capelli. Infatti sia nel cuoio capelluto che nella pelle presenti i melanociti, cellule che producono i pigmenti naturali. Anche i melanociti invecchiano e rallentano la produzione di melanina, da qui i capelli bianchi e grigi.

Dai lipidi dipende la secrezione della ghiandola sebacea: il sebo. Un funzionamento anomalo delle ghiandole sebacee causa problemi come l’asteatosi (produzione insufficiente) e la cute grassa (produzione eccessiva).

I minerali infine preservano la salute dei capelli. Ferro e zinco promuovono la crescita sana dei capelli: la caduta dei capelli dalla carenza di essi.

Le problematiche del capello: un grattacapo sia maschile che femminile

La caduta dei capelli è un fenomeno che si manifesta più frequentemente negli uomini, ha una componente genetica ed ereditaria ma è accelerato da una serie di abitudini come l’alimentazione e l’assenza di prevenzione.

Le principali cause del diradamento – oltre alla componente genetica/ereditaria:

  • Stress: molte persone soffrono di questo disturbo proprio in periodi della vita particolarmente stressanti.
  • Seborrea: una quantità eccessiva di sebo sul cuoio capelluto ostacola la normale attività dei follicoli piliferi e, inoltre, non è salutare per i capelli che sembrano perennemente unti.

Il problema della caduta dei capelli riguarda anche l’universo femminile: più del 50% delle donne sperimenti questa anomalia.

La perdita di capelli nella donna è associata a fattori come problemi ormonali, cattiva alimentazione e carenze nutrizionali, stress, abuso di medicinali, trattamenti cosmetici aggressivi, oppure a fasi della vita particolari, come il post-partum e la menopausa.

La caduta dei capelli dopo il parto è una normale e temporanea condizione, questa particolare caduta viene definita “defluvium post-partum”. Nei 12 mesi successivi al parto i capelli dovrebbero ritornare ad avere un ciclo naturale di ricrescita, se il ciclo naturale non riprende è possibile che si sviluppi l’alopecia androgenetica.

Un altro periodo molto particolare è la menopausa, un processo biologico durante il quale il corpo subisce cambiamenti fisici. Durante la menopausa può verificarsi la perdita dei capelli.

Il cuoio capelluto e le sue anomalie

ll cuoio capelluto funzione come una barriera fisica che proteggere la testa da traumi ed agenti patogeni che possono causare infezione. Conoscere bene il cuoio capelluto è il primo passo per prendersi cura dei propri capelli.

Il cuoio capelluto è formato dai 3 strati di pelle che ricoprono il cranio: lo strato più esterno è l’epidermide, che contiene vasi capillari e nervi; quello intermedio è il derma, che contiene fibre elastiche; il più interno è detto ipoderma ed è il tessuto sottocutaneo.

L’epidermide è composta di quattro strati di cheratinociti, è soggetta alla cheratinizzazione, ovvero la risalita delle cellule dallo stato più interno alla superficie per produrre la cheratina, che protegge la pelle da sostanze e agenti ambientali. Questo processo garantisce il continuo rinnovo della pelle, grazie al ricambio delle cellule morte; se le cellule morte si ammassassero e formassero delle squame produrrebbero la cosiddetta forfora, un problema che porta con sé prurito, bruciore e può sfociare in dermatite seborroica.

Nel derma si trovano i vasi sanguigni, pertanto da qui parte il nutrimento dei capelli; qui si trovano anche i fibroblasti, che grazie a collagene ed elastina donano elasticità e filtrano gli elementi nutritivi che arrivano dalla microcircolazione del sangue. Infine, nel derma troviamo i bulbi piliferi e le ghiandole sebacee.

Caduta precoce e anomalie

Si parla di caduta precoce quando la caduta dei capelli inizia prima dei 25 anni. Questo fenomeno è in aumento tra ragazzi e ragazze e può essere causato da cattiva alimentazione, fumo, stress e uso di prodotti aggressivi e tricotillomania, una mania compulsivo che porta a strapparsi peli e capelli, causandone il diradamento.

Particolare attenzione è da porre sulla problematica del fumo di sigaretta che:

  • Danneggia i follicoli piliferi a causa della nicotina, la quale influenza la circolazione del sangue e degli ormoni nel cuoio capelluto e aumenta la secrezione di androgeni, generando la caduta dei capelli. La nicotina inoltre può stimolare il sistema dopaminico in modo da accelerare la secrezione di adrenalina, il cui aumento comporta un incremento della secrezione di sebo nel cuoio capelluto, he può bloccare il follicolo pilifero;
  • Porta alla perdita dei capelli a causa dell’aumento dei livelli del DHT (Diidrotestosterone), un ormone androgeno che svolge importanti funzioni nell’organismo maschile ed è considerato la principale causa dell’alopecia androgenetica.

L’alopecia invece è una disfunzione che avviene quando la caduta di capelli diventa eccessiva e i nuovi capelli non riescono a sostituire quelli persi.

Essa è distinta tra temporanea e cicatriziale: le prima è reversibile se individuata in tempo; la seconda è purtroppo irreversibile perché causa l’atrofia del bulbo pilifero che non può più generare nuovi capelli.

Esistono diverse forme di alopecia: areata, effluvio Telogen, defluvium Anagen, alopecia seborroica, alopecia da tricotillomania.

Analisi del capello

L’analisi dei capelli è propedeutica e si svolge con uno strumento chiamato videodermatoscopio, una microcamera altamente tecnologica che può visualizzare e zommare dettagli microscopici in modo molto nitido. La microcamera grazie all’alta definizione cattura ogni anomalia, anche la più impercettibile, essendo dotata di dispositivi ottici e luminosi.

I conseguenti esami tricologici del centro tricologico a Lugano potranno essere il tricogramma – un test in cui vengono esaminati al microscopio 50-100 capelli al fine di valutare le loro fasi di sviluppo -, il pull test – ovvero la prova di resistenza del capello – e il wash test, in grado di valutare la caduta dei capelli durante il lavaggio.

Tecniche e trattamenti anticaduta dei capelli

Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare? I trattamenti tricologici correttivi intervengono all’origine del problema e intervengono efficacemente sulle anomalie che causano l’indebolimento e la caduta dei capelli, come i vari tipi di alopecia.

Questi trattamenti nel centro tricologico a Lugano sono studiati per capelli deboli che tendono a cadere più velocemente e per rimuovere la forfora in eccesso e regolare la produzione di sebo. L’uso di un trattamento tricologico correttivo permette di normalizzare il ciclo vitale dei capelli e d’ispessire i capelli, così da aiutare il recupero fisiologico e il mantenimento.

I trattamenti tricologici nutritivi, invece, sono studiati per nutrire il fusto dei capelli e i loro follicoli. Essi rinforzano il bulbo e nutrono in profondità il capello denutrito, sostenendo l’attività dei bulbi piliferi con un apporto aggiuntivo ed equilibrato di sostanze nutritive, che vanno a colmare le carenze. La soluzione di cui è composto il trattamento inoltre facilita la produzione della cheratina, garantendo l’irrobustirsi del capello.

Il trattamento nel centro tricologico a Lugano è sempre affiancato all’insegnamento di una corretta prassi igienica con prodotti realizzati a seconda delle esigenze del cliente. Infine, i trattamenti stimolanti svolgono un’azione rigenerante sui follicoli e sollecitano le papille dermiche e i bulbi piliferi ad accelerare l’attività metabolica, permettendo al bulbo di produrre nuovi capelli sani e forti.

Tecnologie: una panoramica

Trapianto dei capelli

Il trapianto è una tecnica chirurgica atta a rinfoltire il cuoio capelluto nelle aree colpite dal diradamento dei capelli.

Per il trapianto i bulbi donatori vengono prelevati dalla nuca, dove sono maggiormente resistenti all’azione degli androgeni e quindi geneticamente permanenti e inseriti nei zone colpite da calvizie – è perciò più corretto parlare di “autotrapianto”.

Due sono le procedure alla base dell’autotrapianto del centro tricologico a Lugano: l’escissione di una striscia (strip) di cuoio capelluto (FUT) e il prelievo delle singole unità bulbari (FUE).

Il trapianto di capelli è ovviamente steso anche al mondo femminile, ed anzi sono in aumento le donne che si avvalgono dell’autotrapianto, di solito in seguito a problematiche quali ad alopecia androgenetica e ad alopecia da tricotillomania.

Le tecniche: Fue e Tut

L’autotrapianto con tecnica Fue vede l’estrazione di unità follicolari che vengono reinserite in appositi canali, creati chirurgicamente, nella zona ricevente e non prevede alcun taglio. È vantaggiosa perché non invasiva, permette tempi di recupero rapidi e i risultati sono naturali e duraturi.

La tecnica tradizionale Fut prevede invece il prelievo di una striscia di cuoio capelluto e il conseguente reimpianto nella zona ricevente. Essa è più invasiva perché è previsto un taglio chirurgico, ha tempi di recupero superiori e l’effetto è meno naturale.

Low Light Laser Therapy

Uno dei trattamenti altamente innovativo del centro tricologico a Lugano è la Terapia Laser a Bassa Intensità (LLLT – Low Light Laser Therapy), elaborata negli Stati Uniti. Questa tecnica si applica tramite un casco che emette raggi laser a bassa intensità su tutta la superficie del cuoio capelluto.

Il laser penetra nel tessuto cutaneo in maniera indolore e stimola l’attività dei follicoli piliferi e quindi il processo naturale di crescita. Interviene poi sulla produzione di cheratina, rendendo i capelli più sani e resistenti. Questa metodologia nel centro tricologico a Lugano è particolarmente indicata per le persone affette da alopecia androgenetica e altri problemi di caduta dei capelli.

Tricopigmentazione

La tricopigmentazione consiste nell’iniezione di pigmenti di colore in modo da ricreare, attraverso accumuli di colore puntiformi, un effetto rasato molto naturale. La tecnica di pigmentazione permanente è utile in tutti i casi di perdita di capelli anomala, di calvizie androgenetica, di alopecie e quando non è possibile ricorrere alla chirurgia.

La tricopigmentazione può essere utilizzata anche nel post-trapianto di capelli, per andare a mascherare eventuali zone vuote o cicatrici. La tecnica è indolore e non richiede quindi nessun tipo di anestesia; inoltre consente di riprendere immediatamente le proprie consuete attività, alla fine della seduta.

L’alta frequenza

La terapia ad Alta Frequenza, che utilizza bassa corrente e alta frequenza per stimolare la crescita dei capelli, è un tipo di trattamento per problemi come forfora, caduta dei capelli o alopecia. Viene effettuato trattando i capelli con infrarossi ad alta frequenza e raggi ultravioletti che offrono numerosi benefici quali miglioramento della circolazione sanguigna, favoriscono la crescita dei capelli, trattamento della forfora.

L’Alta Frequenza si basa sul principio della stimolazione energetica del cuoio capelluto e viene effettuata con un apparecchio dotato di elettrodi che producono corrente ad altissima frequenza, ad un livello non avvertibile e quindi totalmente indolore.

Il massaggio trofico

Il massaggio del cuoio capelluto, una delicata frizione sulla cute e una applicazione di trattamenti specifici, dilata le arterie all’interno del cuoio capelluto e agevola l’afflusso del sangue aumentando il passaggio di sostanze nutritive e ossigeno, aiutando il cuoio capelluto a respirare meglio e contrastando forfora e follicolite. Nel centro tricologico a Lugano si eseguono massaggi del cuoio capelluto che sono indicati per chi soffre di cute secca, poiché stimolano la secrezione sebacea.

9 thoughts on “Dentro a un centro tricologico a Lugano cosa possiamo trovare?

  1. I problemi tricologici sono molto più comuni di quanto si pensi e le cause possibili sono tante, affidarsi ad un centro specializzato è la scelta migliore.

  2. Sai non sapevo tutte queste tecniche. Io ho i capelli molto fini che si spezzano facilmente, a cadere invece solo in determinati periodi. Ho letto con piacere e interesse il tuo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *