L'erba artificiale sintetica è il prato del futuro?

Campo dei Miracoli a Pisa- Statua Angelo Caduto- tappeto erboso sintetico

L’erba artificiale sintetica è il prato del futuro?

Molto simile all’erba naturale, l’erba artificiale sintetica trova largo impiego per coprire la superficie di campi sportivi, ma anche in abitazioni e strutture commerciali.

L’erba artificiale sintetica è il prato del futuro? Il tappeto erboso artificiale è una pavimentazione morbida realizzata in materiale plastico sintetico che ricrea un prato naturale. Economicità e facilità di gestione dovuta ai bassi costi di manutenzione sono i suoi punti di forza. Lerba sintetica finta è migliorata nel tempo assumendo un aspetto molto più realistica tale da diventare un’alternativa valida per i prati residenziali. L’erba sintetica originale si chiamava AstroTurf e arrivò alla fine degli anni ’60, per gentile concessione della società biotecnologica Monsanto.

Che cosa è esattamente l’erba artificiale?

“Il tappeto erboso è una fibra di polipropilene trapuntata in un tappeto“, spiega Iannick Di Sanza, direttore marketing di Tarkett Sports. La compagnia di Di Sanza produce FieldTurf, l’erba artificiale che si trova sotto le bitte degli Atlanta Falcons, New England Patriots e Ohio State Buckeyes, solo per citarne alcuni. Il polipropilene è un tipo di fibra di plastica che si trova comunemente anche negli imballaggi di tutti i giorni come bottiglie di pillole e tazze di yogurt.

La denominazione di”Tappeto di plastica” descrive praticamente i primi tentativi di realizzazione del tappeto erboso artificiale. Rilasciato dalla Monsanto alla fine degli anni ’60, AstroTurf, l’originale tappeto erboso artificiale, fu installato sul campo da baseball nell’Astrodome di Houston. Entro due anni dall’installazione di Astrodome, il Tartan Turf di 3M fu allestito al Michigan Stadium.

La tendenza a utilizzare un prato artificiale nei campi da gioco è aumentata nel tempo, specialmente all’interno della NFL. Sebbene il tappeto erboso artificiale fosse molto duro offriva una resistenza maggiore di quella naturale. A metà degli anni ’70, un tappeto erboso artificiale di seconda generazione presentava fibre più lunghe, un pad sotto e riempimento di sabbia. Sempre più simile all’erba naturale arriva il tappeto erboso di terza generazione, creato da FieldTurf.

L’erba sintetica di terza generazione, o “riempita”, inizia comunemente con una scelta di fibre di polietilene, che sono monofilamento, limo-film o un ibrido dei due. Le fibre sono trapuntate in un tappeto rivestito con lattice. Per trasportare il tappeto viene arrotolato e spedito. Una volta arrivato a destinazione il tappeto viene srotolato e incollato o cucito insieme per creare la superficie del campo. Il prossimo passo è l’aggiunta di un costituito da sabbia, solitamente silice, e gomma che può provenire da pneumatici per auto riciclati. L’intera operazione d’istallazione viene fatto, strato dopo strato, da uno spargitore seguito da un trattore a spazzola per appianare l’intero tappeto.

Chi usa l’erba sintetica?

L’ERBA ARTIFICIALE SINTETICA È IL PRATO DEL FUTURO?
Erba sintetica a Pisa nel Campo dei Miracoli

Oggi il prato artificiale si trova su una varietà di campi per lo sport tra cui calcio, calcio, baseball e hockey su prato, sia su campi interni che esterni. Può resistere all’uso intensivo in campi multi sport come quelli delle scuole superiori, dove molte squadre si esercitano quasi senza sosta. Il tappeto erboso residenziale è più simile a un “tappeto di peluche”, un’opzione sostenibile per i prati domestici perché non necessita d’irrigazione e la manutenzione è minima, il che significa che non ci sono pesticidi o fertilizzanti.

Pro e contro del tappeto erboso artificiale

Il tappeto erboso artificiale offre numerosi vantaggi, tra cui la durabilità e la sostenibilità. I produttori sperimentano sempre nuovi prodotti per eliminare inconvenienti ma nonostante la costante innovazione, l’erba artificiale a volte è criticata dagli atleti che affermano l’aumento del rischio di lesioni.

Vantaggi

  • Adattabile: può essere posizionata su qualsiasi superficie
  • manutenzione ridotta: pulizia semplice utilizzando acqua e detergenti, in presenza di un animale;
  • cura quotidiana: non necessita d’innaffiature nè di essere tagliato;
  • dopo la pioggia non si creano zone fangose.

Svantaggi dell’erba sintetica

Sebbene non debba essere annaffiato, il rivestimento in plastica richiede molta manutenzione, compresi spazzolatura e aerazione e il riempimento deve essere mantenuto al giusto livello. Per una migliore performance sui campi, ogni due anni l’erba sintetica, oltre alla manutenzione, deve essere sostituita.

  • Scoloritura: il tappeto erboso viene danneggiato dai raggi del sole;
  • appiattimento, schiacciamento e perdita di flessibilità
  • surriscaldamento eccessivo: può essere evitato spruzzando acqua;
  • sostituzione della superficie erbosa ogni due anni.

Manutenzione del tappeto erboso artificiale

Per prolungare la vita del tuo prato e migliorarne l’aspetto, devi seguire alcuni consigli di manutenzione. Imparare a pulire regolarmente l’erba artificiale è essenziale per dargli le cure di cui ha bisogno. Uno degli aspetti principali quando si pulisce è di farlo nella direzione opposta a quella delle fibre. In questo modo, li solleveremo e puliremo tutta la materia organica che si è depositata durante il tempo che non è stata pulita. 

È sufficiente annaffiare l’erba artificiale una o due volte al mese. Questo ci aiuterà a mantenerlo pulito, anche se possiamo rendere più frequenti le annaffiature nel periodo estivo. Ciò è necessario poiché la temperatura può scendere e l’umidità può depositarsi sulla sabbia silicea. In questo modo è possibile mantenere la consueta freschezza dell’erba artificiale. L’irrigazione non è consigliata se le temperature sono inferiori allo zero poiché il ghiaccio può e consumerà la base di lattice nel corso degli anni.

Come pulire l’erba artificiale con diversi elementi

Avere un prato artificiale può essere una buona idea se non abbiamo tanta acqua o spazio a disposizione. Sebbene siano artificiali, richiedono una manutenzione di base e una cura di pulizia in modo che possa avere il suo aspetto e mantenere le migliori condizioni il più a lungo possibile. Vediamo quali sono gli elementi principali per pulire l’erba artificiale:

  • Acqua e sapone: è la soluzione perfetta per macchie organiche e macchie di cibo da mobilità. Se vuoi un animale domestico e hai fatto pipì sull’erba artificiale, puoi applicare acqua e sapone per rimuovere l’odore.
  • Aspirapolvere: l’aspirapolvere è anche una buona opzione per rimuovere la polvere e i sedimenti che si depositano. La potenza è consigliata per non essere troppo alta, per evitare che i peli cadano e si rovinino.
  • Acqua e candeggina: tra queste soluzioni consigliamo solo per le macchie davvero difficili da pulire. Questi prodotti sono molto resistenti e possono deteriorarsi se non usati con saggezza. In caso di utilizzo di acqua e detta o ammoniaca, è indispensabile ridurre abbondante acqua. In questo modo, la miscela non scolorirà il prato.
  • Profumo igienizzante: è una delle soluzioni più facili e veloci. È un prodotto ideale se si hanno bambini e animali in quanto lascia un odore come se fosse erba appena tagliata.

Spero che con queste informazioni tu possa imparare di più su come pulire l’erba artificiale.

3 commenti su “L’erba artificiale sintetica è il prato del futuro?

  1. L’erba sintetica sarà pure comoda ma voglio sperare che saremo in grado di preservare l’ambiente e di poter godere di quella vera. In alcuni frangenti comunque l’erba sintetica è davvero una valida alternativa!

  2. noi stiamo acquistando una piccola casetta in montagna con un bellissimo giardino….. in alcune zone il prato è rovinato …… l’erba sintetica potrebbe essere una soluzione…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *