Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine

Friuli Venezia Giulia è l’affascinante terra di confine italiana frequentata da scrittori come Hemingway, Rilke e Joyce che hanno trovato ispirazione in questa piccola regione.

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine. Itinerario alla ricerca dei caffè asburgici di Trieste e in 10 borghi e province da visitare in Friuli Venezia Giulia, una delle regioni meno turistiche d’Italia, ma ricca di città storiche ricche e di edifici rinascimentali, paesaggi deliziosamente selvaggi e l’affascinante aspetto culturale sloveno-croato-austriaco-italiano. Ammirare locali storici e assaggiare caffè realizzato con le 4 “m” al top (miscela, mano, macchina, macinadosatore) a Trieste e un tuffo nella storia rinascimentale visitando caratteristici luoghi storici.

Il Friuli Venezia Giulia può essere suddiviso in due zone climatiche: montuosa e pianeggiante, in montagna il clima è più rigido, in pianura mite. La capitale della regione soffre spesso di forti venti da nordest. 

La regione è divisa in quattro province: 

  • Trieste,
  • Gorizia, 
  • Udine 
  • Pordenone. 

Oltre all’italiano, lo sloveno è considerato la lingua ufficiale della regione. Nascoste nell’estremo nord-est dell’Italia alcune delle province, Trieste, Udine, Pordenone e Gorizia e i punti d’interesse storico archeologico, come Palmanova e Aquileia. Città e borghi più belli d’Italia Sacile, Grado, Grignano (Miramare) e Muggia.

Friuli Venezia Giulia, tour nei borghi e province della terra di confine

La parte settentrionale del Friuli Venezia Giulia è costituita dalle Prealpi Carniche e dalle montagne dolomitiche chiamate Prealpi Giulie, che termina al confine settentrionale. Spiccano 4 capitali sulla mappa – Pordenone, Udine, Gorizia e Trieste – le quattro capitali dello stato del Friuli-Venezia Giulia. Tutte facilmente raggiungibili in treno.

Dove si trova il Friuli-Venezia Giulia

Sulla mappa, la regione Friuli Venezia Giulia confina con Austria, Slovenia e Croazia, il suo territorio si estende dalla costa marittima del Golfo veneziano del mare Adriatico alle Alpi.

Mappa del Friuli-Venezia Giulia
Mappa del Friuli-Venezia Giulia

Questa parte d’Italia ha un clima mediterraneo, zone climatiche pianeggianti e montuose, che consente ai turisti di visitare sia le località balneari che quelle sciistiche. I più famosi di questi ultimi si trovano negli abitati di Piancavallo, Tarvisio, Ravascletto, Forni di Sopra e Sella Nevea.

1- Caffè asburgici letterari a Trieste

La città più grande, Trieste, si trova sulla spiaggia e la sua cultura e architettura riflettono influenze austriache, ungheresi e slave. Trieste, in Friuli Venezia Giulia, è anche la città del caffè. L’ex porto franco per l’importazione del caffè sin dal Settecento, Trieste sorse nel XVIII e XIX secolo sotto gli Asburgo, diventando una zona di confine vibrante e fluida i cui grandi caffè asburgici letterari erano pieni di chiacchiere italiane, slovene, croate, yiddish, tedesche e greche.

Oggi Trieste, con il suo spirito cosmopolita, l’architettura elegante e la propensione per lo stinco di maiale e i crauti riflettono ancora questo passato austriaco non così lontano.

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Antico Caffè San Marco, interno
  • Il Caffè Tommaseo, in piazza Niccolò Tommaseo direttamente sul lungomare, è la più antica caffetteria asburgica ancora in funzione nella città Trieste. Aperto nel 1830, ancora oggi è un luogo di ritrovo per commercianti, artisti e intellettuali triestini.  Serve caffé storico neoclassico: Illy strong preparato con le quattro “m” al top (miscela, mano, macchina, macinadosatore: dosato al momento). Il caffé al banco costa 1,10 euro (meno con l’abbonamento) seduti poco di più ma si gode di un salone ottocentesco in stile neoclassico.
  • L’ Antico Caffè San Marco, locale storico del 1914, è un luogo dall’atmosfera mitteleuropea ubicato dietro la sinagoga. All’interno del caffè libreria fanno bella mostra un arredamento con elementi e decorazioni Sezession, una secessione dell’Arte che crea una atmosfera d’altri tempi. Il menu propone rivisitazioni di piatti tradizionali panini, brioche e cappuccini a prezzi non propri modici.
  • Caffè degli Specchi, locale storico dell’800 che serve bevande, dolci e snack su un elegante bancone in legno e tavoli sulla piazza.

Piazza dell’Unità d’Italia

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Piazza dell’Unità d’Italia

Ammira la malinconica bellezza costiera della città dalla piazza più grande d’Europa, Piazza dell’Unità d’Italia, una fra le più belle e spettacolari d’Italia, che si affaccia direttamente sull’Adriatico. Racchiusa fra palazzi imponenti e illuminata di sera con delle luci blu inserite nella pavimentazione, la piazza ospita bar e negozi di prestigio. Di fianco alla piazza e di fronte al porto vecchio dai uno sguardo sul Canal Grande, il centro del borgo voluto da Maria Teresa d’Austria.

Trieste è famosa per la sua zuppa, un’eredità dell’Austria-Ungheria. È fatto con fagioli, cavolo bianco e patate. E ancora gulasch e strudel di mele. I caffè gourmet possono offrirti il ​​dessert: biscotti a forma di ciambella o torta viennese. Gli amanti dei piatti di pesce troveranno: le sarde (grosse fritte, in agrodolce), il baccalà alla triestina, salato in modo particolare, una varietà di cozze e crostacei, un piatto piccante con cipolle, prezzemolo e vino. Un’attenzione particolare meritano prosciutto, formaggio e bolliti locali.

2. Castello di Miramare a Grignano

Castello di Miramare
Castello di Miramare

Il Castello di Miramare si trova sul mare vicino a Trieste, città dell’Italia nord-orientale, vicino al Golfo di Trieste in Friuli Venezia Giulia. Fu costruito dal 1856 al 1860 per l’Arciduca Massimiliano I dell’Impero austriaco e sua moglie, progettato da Carl Junker. Costruito a Grignano, una piccola località a circa 6 km a nord della città di Trieste, situata all’interno di una baia sul versante settentrionale del promontorio dove sorge il castello di Miramare.

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Grignano, Castello di Miramare

La residenza asburgica del XIX secolo con interni d’epoca, fu eretta nell’attuale omonimo quartiere di Trieste per volere dell’arciduca d’Austria, è sede di un parco con piante rare e viste panoramiche. Il castello è circondato da un giardino di 22 ettari, noto per i suoi diversi alberi e fiori tropicali, confortevole ed elegante, che fa sentire le persone rilassate e felici. Il bianco Castello di Miramare è circondato da montagne e fiumi, e il paesaggio è estremamente bello, è un buon posto per guardare le montagne e l’acqua e ascoltare la brezza del mare. Si dice che solo una delle tante stanze del castello non possa vedere il vasto mare, quindi questo castello è conosciuto come la “magione dell’acqua”. 

Quando si arriva al castello, i visitatori possono vedere le stanze, le stanze degli ospiti e le foto dell’incoronazione del signore messicano, e conoscere la storia del castello e la storia della costruzione del giardino. Tutte le stanze del Castello di Miramare conservano ancora l’originario decoro e decoro, in stile razionalista, e le loro decorazioni e arredi sono riconducibili alla metà dell’Ottocento.

3- Palmanova, la città fortezza

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Palmanova, la città fortezza

Famosa per le fortificazioni a stella, Palmanova è un borgo intriso di storia che si trova a 20 km da Udine, in Friuli Venezia Giulia, un perfetto esempio di fortificazioni “alla moderna” di età tardo rinascimentale. Dichiarata Monumento nazionale dal 1960 e il 9 luglio 2017 entrata a far parte del Patrimonio Mondiale Unesco, si accede al borgo attraverso delle porte monumentali che portano al centro della maestosa Piazza d’Armi, cuore pulsante della fortezza.

4- Aquileia, città Patrimonio dell’Unesco

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Aquileia, città patrimonio dell’Unesco

Aquileia è un importante sito archeologico e la seconda città più grande dell’impero romano distrutta dal re unno di Attila a metà del V secolo. Aquileia è un patrimonio mondiale dell’UNESCO in Friuli Venezia Giulia. Fu nei primi secoli dell’era cristiana, una delle più splendide città dell’Impero romano. Gran parte della megalopoli romana e le rovine romane di Aquileia del II secolo d.C. si trovano ancora sotto i campi dell’omonima cittadina friulana.La più famosa dell’Aquila è la Basilica di Aquileia, costruita fuori l’angolo sud-ovest della cinta muraria nel XIII secolo con la facciata è rossa e bianca.

Il clou dell’arte architettonica di Aquileia in Friuli Venezia Giulia, è uno squisito pavimento a mosaico del IV secolo conservato in una basilica gotica del XII secolo che, a 760 metri quadrati, è uno dei più grandi mosaici romani al mondo. Le tre finestre del giardino e la porta cooperano sapientemente per creare arte gotica e romanica. Passerelle di vetro consentono di ammirare le rappresentazioni sorprendentemente vivide di episodi della Bibbia, la vita marina della laguna e ricchi patroni.

La città di Aquileia, si considera la seconda Roma. È proprio perché la maggior parte dei resti dell’antica Aquila sono intatti e non scavati che può essere definita la città protoromana più completa del Mediterraneo. A 25 km di distanza si trova un monumentale complesso architettonico del XVII secolo. – Villa Manin, antica residenza dell’ultimo doge veneziano Ludovico Manin.

Eventi: Aquileia Film Festival luglio 2019 -10 edizione

Basilica di Aquileia
Aquileia Film Festival luglio 2019 -10 edizione Basilica di Aquileia

Aquileia Film Festival 2019, quattro serate di cinema, archeologia, arte e grandi divulgatori scientifici come Alberto Angela. La decima edizione del festival organizzata con il patrocinio del Comune di Aquileia e il sostegno dell’azienda Jermann. La location è la splendida piazza della Basilica dei Patriarchi ogni sera dalle 21 si trasforma in una sala cinematografica a cielo aperto e il pubblico è chiamato a scegliere il vincitore del Premio Aquileia.

Venerdì 26 luglio 2019- 10 edizione con Alberto Angela

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Aquileia Film Festival luglio 2019 -10 edizione con Alberto Angela

L’ingresso alla manifestazione di Aquileia è libero e gratuito. Venerdì 26 luglio, nonostante la pioggia, il palcoscenico è stato tutto per Alberto Angela, presente al Festival nelle ultime sette edizioni, e insignito dal sindaco come Cittadino Onorario della città. Alberto Angela ha parlato della luna, protagonista dello speciale appena andato in onda su Rai1 e di “Cleopatra, la regina che sfidò l’eternità”, protagonista del suo ultimo libro edito da Harper Collins. 

5- Pordenone, la città dipinta

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Pordenone, la città dipinta

Pordenone dista circa 100 km dalla città d’acqua di Venezia e poco più di un’ora di macchina in Friuli Venezia Giulia. La popolazione è di circa 50.000. Seppur piccola, è capoluogo di prefettura della Provincia di Pordenone. Il centro storico di Pordenone si trova all’interno dei confini della città medievale, contiene la Cattedrale con il Campanile, la torre del castello e il Palazzo del Comune, costruito nel XVI secolo, un’antica villa romana con reperti archeologici, bellissime chiese medievali e il complesso monastico di San Francesco del XV secolo. 

Pordenone è una città denominata Portus Naonis, porto sul fiume Noncello, con lunghi portici che ospitano antichi caffè, palazzi nobiliari rinascimentali con facciate dipinte e stemmi asburgici. Un ponte attraversa il fiume Noncello che porta direttamente nel cuore del borgo dove svetta la torre di S. Marco di 73 metri.

Trieste e Pordenone in Friuli Venezia Giulia sono posti ideali per andare ai piccoli mercati e ai mercatini di Natale. A Pordenone il turista resta incantato dalla leggiadra bellezza del centro storico antico, con i suoi palazzi cinquecenteschi, le chiese romaniche, i portici, le facciate affrescate, gli edifici gotici e barocchi. Passeggiando sotto gli imponenti portici del Corso o visitando i musei della città, il turista è immerso nel mondo del passato storico e delle tradizioni.

6- Sacile, Giardino della Serenissima 

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
Sacile, Giardino della Serenissima 

Sacile è un piccolo borgo rinascimentale che si trova vicino a Pordenone attraversato dalle acque del fiume Livenza dove si specchiano palazzi cinquecenteschi in stile veneziano, piazza del Popolo con portici, ponti e natura rigogliosa. Il centro storico sorge su due isole sul fiume Livenza ed è talmente simile a Venezia da essere soprannominata Giardino della Serenissima Porta del Friuli.

7- Udine, tra Slovenia e Austria

Udine, nonostante perse il suo status di capitale regionale a Trieste negli anni ’50, rimane oggi la capitale culturale del Friuli Venezia Giulia. Si trova vicino al confine con la Slovenia, tra l’Adriatico e le Alpi. Udine è adagiata in una valle, o meglio intorno a un enorme colle. Nel centro storico di Udine si trovano il Duomo e il maestoso Castello di Udine, la Piazza della Libertà Veneziana con monumenti architettonici di diverse epoche e il Palazzo Arcivescovile con il Museo Diocesano e la Galleria Tiepolo. 

Udine, situata al centro della regione storica friulana, dista poco più di 20 km dalla Slovenia, e circa 54 km dall’Austria. Sorge in alta pianura, intorno a un colle in cima al quale è situato il castello e costeggiata dal torrente Cormor a ovest e dal torrente Torre a est. Dalla collina del castello si gode un fantastico panorama sulle vie del centro, ricche di botteghe e osterie tipiche.

Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine
PIAZZA DEL PATRIARCATO

Udine è conosciuta per le sue feste di carnevale, di solito tenute a febbraio e del Festival dei funghi a settembre. Stupendi gli affreschi del Tiepolo (il singolo soffitto della cappella dell’Oratorio della Purità con una bella rappresentazione dell’Assunta) e per le enoteche sempre conviviali della città. Interessanti anche il Duomo di Udine, costruito nel 1236, il castello nel centro della città, l’orto botanico e la Sagra del cibo di settembre.

8- Gorizia, confine di Stato con Slovenia

La città di Gorizia in Friuli Venezia Giulia, è citata per la prima volta in documenti del 1001. Nella cittadina di Gorizia, situata al confine con la Slovenia e circondata da una cinta muraria del XV secolo, si può vedere il castello dell’XI secolo, lo storico palazzo degli Stati Provinciale, l’antico palazzo gotico e il Duomo del XIII secolo. con una facciata bianca come la neve e deliziosi affreschi. 

Gorizia, confine di Stato con Slovenia
Gorizia, confine di Stato con Slovenia

Gorizia in Friuli Venezia Giulia, è il capoluogo della provincia di Gorizia e un centro turistico, industriale e commerciale. Gorizia è un’incantevole cittadina in Italia con il Castello di Gorizia, costruito all’interno delle mura medievali della città. Un tempo sede dell’amministrazione locale e della giustizia, ora ospita un museo ed è il posto migliore per conoscere la storia medievale di Gorizia. Per la sua posizione e per la sua storia, Gorizia è uno dei punti di congiunzione fra le culture romanze, slave e germaniche. 

Gorizia è bagnata dal fiume Isonzo ed è circondata dalle colline del Collio, note per la coltivazione della vite e per la produzione di vini di qualità ai quali è assegnata la DOC “Collio Goriziano“, conosciuti anche a livello internazionale.

 Gorizia, piazza Transalpina
Gorizia, piazza Transalpina

Stupenda la piazza Transalpina con la sede del Museo sul confine di Stato Goriziano in Friuli Venezia Giulia, il cippo che demarcava il confine fino al 2004 e la piastra al centro della piazza realizzata a maggio 2004, data che segna l’entrata della Repubblica di Slovenia nell’unione Europea.

9. Grado, Isola del Sole

Grado è un importante centro turistico e termale in Friuli Venezia Giulia, noto anche come l’Isola del Sole che si estende tra la laguna omonima, la foce dell’Isonzo e il mar Adriatico. Più piccola di Venezia, ma con il suo fascino e la sua storia, Grado è una città lagunare di 1600 anni che si può vivere passeggiando per le vie del centro antico. Grado ha un centro storico in stile veneziano dove è possibile passeggiare tra vicoli e piazze circondate da pittoresche case di pescatori. Pieno di sentieri tortuosi, architettura Belle Époque e rovine di ville romane, il quartiere medievale è l’ambiente perfetto per una passeggiata serale e una degustazione di cibo locale in una piccola trattoria. 

Grado
Grado 

Lungo il lungomare di Grado, il pittoresco porto si affaccia su minuscole capanne di pescatori che possono essere raggiunte in barca e con escursioni in laguna. Ci sono tantissimi posti dove mangiare e bere nel centro di Grado, la maggior parte a prezzi molto ragionevoli. Molti ristoranti eleganti, suggestivi e invitanti fiancheggiano gli angoli delle strade del centro storico della città. Oltre all’isola maggiore, capoluogo della laguna, sono abitate stabilmente anche l’isola della Schiusa, collegata a Grado con due ponti, e l’isola di Barbana.

Grado e Lignano in Friuli Venezia Giulia, sono famose località balneari a sud della regione balneare. La laguna di Grado e Marano è piena di gabbiani reali, rondini, aironi bianchi e cormorani. Questa zona è visitabile al meglio in auto.

10. Lignano 

Nel punto più occidentale della costa del Friuli Venezia Giulia, in provincia di Udine, si trova Lignano Sabbiadoro. Ha tutto il necessario per rilassarsi e distendersi: foreste di pini e cedri, spiagge incontaminate, infrastrutture ben sviluppate e straordinaria architettura italiana. La località di Lignano si compone di tre parti, ognuna delle quali offre diverse tipologie di relax.

11. Città minori: San Daniele del Friuli, Cividale del Friuli, PiancavalloForni di SopraRavascletto e Tarvisio 

Da visitare anche il centro storico di San Daniele del Friuli, famoso per il prosciutto prodotto da 30 aziende locali, e la ridente cittadina di Cividale del Friuli fondata da Giulio Cesare con antichi monumenti, misteriose catacombe celtiche e il mitico Ponte del Diavolo. 

 Cividale del Friuli: Ponte del Diavolo
Cividale del Friuli: Ponte del Diavolo

La cittadina di Cividale del Friuli, in Friuli Venezia Giulia, venne edificata nel XVI secolo, e arricchita con un’antica villa romana con reperti archeologici, belle chiese medievali e il complesso monastico di San Francesco del XV secolo. Cividale ha gioielli che non si trovano da nessun’altra parte, e forse il più notevole è il Tempietto Longobardo, una delle più insolite architetture occidentali altomedievali. Il viaggio verso Cividale del Friuli inizia con il Ponte del Diavolo, uno dei simboli del paese. Il ponte attraversa il fiume Natisone, con due arditi archi poggianti su un’unica colonna di sostegno su una roccia sporgente dal fiume. 

Un’antica leggenda narra che questo ponte sia stato “donato personalmente dal diavolo”.

San Daniele del Friuli è conosciuta per il suo speciale prosciutto o prosciutto di nome Cristina, famoso nel mondo per il suo prosciutto, un prodotto unico in quanto prodotto solo qui sulle colline intorno a questa città. Borgo noto per la sua qualità di vita lenta. Non perdete l’occasione di visitare almeno una delle fabbriche artigianali del paese. Ho scelto Prosciuttificate Bagatto, ma ci sono diverse aziende tra cui scegliere. San Daniele del Friuli organizza un Prosciutto Festival nell’ultima settimana di agosto.

PiancavalloForni di SopraRavascletto e Tarvisio sono città di montagna con grandi aree sciistiche. In estate, ci sono posti dove è possibile fare escursioni. Le piccole città di montagna sono buoni posti dove andare per concorsi di Natale ed Epifania o presepi viventi.

12. Muggia – Sentiero d’Italia 6000 km

Muggia è il comune più a sud della regione Friuli Venezia Giulia, all’estremità settentrionale dell’Istria con tipico paesaggio collinare digradante verso il golfo di Trieste. Muggia è insignita della medaglia d’argento al valor militare e per l’attività nella lotta partigiana dopo l’8 settembre 1943 durante la fase finale della seconda guerra mondiale. Da qui parte un sentiero che attraversa e unisce tutto lo Stivale: il Sentiero Italia, oltre seimila chilometri lungo la dorsale montuosa italiana.

Va’ Sentiero: da Muggia alla Sardegna

  • 6880 km
  • 350.000 m di dislivello complessivo
  • 20 regioni
  • 6 Siti Naturali UNESCO
  • 368 tappe

Montagne in Friuli – Dolomiti

Le Dolomiti si trovano nel Nord-Est d’Italia, nelle province di Bolzano-Bozen e Belluno. Le Dolomiti sono un altro patrimonio culturale dell’Unesco DAL 2009, qui si trovano splendidi paesaggi naturali, dai colori smaglianti sia d’inverno che d’estate: acque cristalline, montagne innevate e vallate lussureggianti. Nelle Dolomiti ci sono diversi parchi naturali nazionali. Qui c’è il comprensorio sciistico, Dolomiti Superski, che unisce 12 località e 44 località. Il comprensorio sciistico dispone di 1200 chilometri di piste, 450 impianti di risalita. 

La stagione inizia a dicembre e la fine della stagione è all’inizio o a metà aprile. Tutte le piste sono accuratamente preparate e attrezzate. Le Dolomiti hanno un clima mite, qui gli inverni sono soleggiati. I vacanzieri hanno a disposizione un’ampia selezione di programmi di escursioni. 

Vino e Gastronomia Friuli-Venezia Giulia

Sebbene la regione del Friuli Venezia Giulia produca solo una piccola parte della produzione totale di vino in Italia, il vino è di altissima qualità ed è spesso paragonato ai vini del Piemonte e della Toscana, in particolare dei Colli Orientali del Friuli DOC. Poiché un tempo faceva parte dell’Impero austro-ungarico, il cibo della regione è influenzato dalla sua storia ed è simile alle cucine austriaca e ungherese. 

I metodi di cottura del Friuli Venezia Giulia sono influenzati dalle regioni slave, mitteleuropee e venete. La ricetta di cucina è semplice, utilizzando principalmente carne, latticini, salsicce e fagioli, questi ingredienti per realizzare cibi prelibati. Tra questi ci sono alcune specialità autentiche, come il maiale bollito alla torre polacca e salsiccia con arachidi e senape, e verdure e fagioli nella zuppa.

Simile al risotto, ma Orzotto fatto con orzo è comune per questa regione. Assicurati di provare il famoso prosciutto di San Daniele. Anche il formaggio Montaccio e il prosciutto affumicato di Sauris sono specialità molto prelibate. Il dolce più famoso si chiama Kuba Na, che è una pasta con frutta secca. Deliziosi anche lo strudel e le torte alla frutta. Lo strucolo può essere una versione salata, simile alla strudeline austriaca, sia come parte del piatto che come dessert dolce.

Celebrità

Il romanziere e drammaturgo italiano Italo Svevo (1861 – 1928) nacque e visse per molti anni a Trieste in Friuli Venezia Giulia. Nel 1906 ebbe luogo un incontro fatidico: Italo incontrò James Joyce, l’autore di Ulisse, dal quale prese lezioni d’inglese. Fu Joyce a raccontare a Svevo le idee psicoanalitiche di Freud e influenzò il suo sviluppo come scrittore.

Come arrivare in Friuli Venezia Giulia

La regione Friuli Venezia Giulia ha ferrovie e strade È collegata con i paesi dell’Europa centrale ed è la porta orientale d’Italia, può raggiungere Roma, Milano, Torino, Venezia, Bologna, Napoli, Firenze e le altre principali città italiane in treno. L’aeroporto del Friuli-Venezia Giulia è anche chiamato “Aeroporto di Trieste-Ronchi dei Legionari”. Si trova 33 km a nord-ovest di Trieste, con voli giornalieri da Roma, Londra e Monaco. Gli aeroporti di Venezia Marco Polo e Treviso sono facilmente raggiungibili dalla regione e offrono voli per molte altre destinazioni.

Informazioni di base

Friuli Venezia Giulia è una delle 20 regioni amministrative e una delle 5 regioni autonome d’Italia in cui si utilizzano leggi speciali. 

  • Denominazione della regione: Friuli Venezia Giulia
  • Paese: Italia
  • Capitale: Trieste
  • Superficie: 7.845 chilometri quadrati;
  • Popolazione: 1.234.079 (al 31/12/2009)
  • Densità: 157 persone/km2
  • Numero di province: 4
  • Città: 218

Fonti foto caffè San Marco: Alexandros Delithanassis

15 commenti su “Friuli Venezia Giulia tour nei borghi e province della terra di confine

  1. Non sono mai stata in Friuli e da tempo ormai continuo a pensare a questa regione come la prossima per un tour di qualche giorno, prima che riprenda la scuola…
    Udine tra tutte è la città che mi piacerebbe visitare di più in assoluto!

  2. Il Friuli Venezia Giulia offre splendidi luoghi da visitare. non conoscevo Sacile: sembra molto carino per cui non mancherò di inserirlo in uno dei prossimi tour in zona.

  3. Adoro la citta’ di Trieste fin da bambina quando, appassionatissima della “principessa Sissi” (in realta’ Imperatrice Elisabetta) ho cominciato ad appassionarmi alla storia degli Asburgo e a leggere libri su libri su questa famiglia reale. Ho “obbligato” i miei a portarmi a Miramare e Trieste piu’ di una volta e ci tornerei volentierissimo anche adesso…tutto il Friuli in realta’ sarebbe da scoprire!

  4. Il primo viaggio che ho fatto con quello che poi sarebbe diventato mio marito è stato proprio in Friuli Venezia Giulia. Era un tour on the road e abbiamo toccato diversi luoghi che segnali anche tu. Ma allora non c’erano sicuramente i punti che segnali: ad esempio non esisteva ancora l’Euro e quindi a Gorizia non c’era la targa che segna l’ingresso della Slovenia nell’EU. Palmanova non era ancora diventata Sito Unesco e il tour degli scrittori nei caffè di Trieste era… Beh quello c’era già. 😉

    Comunque, bel post. Mi hai fatto venire voglia di tornarci seguendo il tuo itinerario

  5. Non ho mai visitato questa regione seppure abbia già sentito parlare di tutte le località che citi; è da tempo che mi incuriosisce e spero di riuscire ad organizzare un tour quanto prima. Il castello Miramare, ma le stesse Trieste, Udine, Sacile, Palmanova e Aquileia erano tra le città nella mia lista che ora integrerò con le altre da te citate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *