Il trucco del Cavallo di Troia tra storia e leggenda

Il trucco del Cavallo di Troia, strategia greca

Il trucco del Cavallo di Troia, strategia greca

Una strategia per dare al nemico un po’ di dolcezza per distruggerlo. Un cavallo che ha causato un cambiamento significativo nel corso della guerra tra Agamennone e Menelao.

Il trucco del Cavallo di Troia è una storia ben nota sia nei miti che nelle leggende storiche. Secondo l'”Epopea di Omero”, intorno al XII secolo a.C., gli antichi greci intrapresero una lunga guerra contro i Troiani. La guerra è stata combattuta per 10 anni e la città di Troia era rimasta ancora in piedi. A quel tempo, il consigliere greco Edito escogitò un piano intelligente. I greci costruirono un grosso cavallo di legno e aprirono una bocca sotto il ventre dove si nascosero alcuni soldati greci mentre gli altri evacuarono in mare, lasciando solo un soldato di nome Xinong.

Il trucco del Cavallo di Troia tra storia e leggenda
Il trucco del Cavallo di Troia tra storia e leggenda

“L’Epopea di Omero” ha vivide descrizioni della guerra nell’antica città di Troia, e la storia del “Cavallo di Troia” è ancora più famosa. Per molti anni, la gente ha pensato che Troia fosse una città immaginaria inventata da Omero, fino a quando non hanno scoperto le rovine dell’antica città in Asia. La questione su come sia iniziata la guerra di Troia non e determinante, ciò che conta e il trucco del cavallo di Troia che causo un cambiamento significativo nel corso della guerra. il cavallo di Troia fu costruito circa 500 anni fa.

LA STORIA DI TROIA

Ci sono generalmente due miti sulla guerra di Troia. La prima è che la guerra sia scoppiata a causa di Elena, la moglie di Menelao, re di Sparta. Un’altra opinione è che la guerra sia scoppiata a causa dell’interesse di Agamennone per Troia, il fratello maggiore del re spartano Menelao. Secondo le antiche leggende greche, quando il principe troiano Paride visitò la Grecia, rapì la regina Elena, i greci andarono a Troia e la tennero sotto assedio per quasi dieci anni. 

Intorno al XIII secolo aC ci fu una guerra tra Greci e Troiani. I greci si unirono per attaccare Troia, ma Troia era una città molto fortificata e i greci non la sconfissero dopo 9 anni di attacchi. Una mattina del decimo anno, la corazzata delle forze della coalizione greca salpò improvvisamente e il campo di battaglia solitamente rumoroso divenne silenzioso. I troiani pensarono che i greci avessero ritirato le loro truppe e fossero tornati a casa, corsero fuori città e trovarono sulla spiaggia un enorme cavallo di legno. I troiani lo circondarono sorpresi, chiedendosi a cosa servisse questo cavallo.

Un greco, catturato sulla spiaggia, disse ai troiani che questo cavallo di legno era usato dai greci per adorare la dea Atena. Disse anche che i greci erano preoccupati che i troiani avrebbero portato il cavallo di legno in città, il che avrebbe portato fortuna al loro paese, quindi lo hanno costruito molto grande in modo che i troiani non potessero farlo entrare in città.

Il trucco del Cavallo di Troia tra storia e leggenda
Recenti ricerche affermano che non fosse un cavallo ma una nave con la testa di un cavallo.

Il troiano decise di portare in città il cavallo di legno ma era così grande che i Troiani dovettero rompere il muro per un prima di trascinarlo in città. Quella notte, i Troiani celebrarono con gioia la loro vittoria. Pero dei soldati greci, completamente armati, si erano nascosti nel cavallo, durante la notte ne uscirono e in silenzio massacrarono i difensori nel sonno. Aprirono la porta della città e appiccarono incendi in tutta la città. L’esercito greco, nascosto nelle vicinanze, si riversò a Troia. I Troiani avevano lottato per difendere la città per dieci anni, ma alla fine fallirono a causa di un cavallo di Troia; la città di Troia fu saccheggiata e ridotta in cenere.

READ  Inizio impero romano d'occidente con Ottaviano Augusto

Il trucco del Cavallo di Troia, strategia di guerra greca

Per i lettori moderni dell’epopea di Omero, portare quella scultura dedicata nelle mura della città sembra un’idea ingenua. Ma è importante sapere che per Troia, questo cavallo è sacro. un animale curato con attenzione, scegliendo i migliori esemplari per il loro coraggio, forza, resistenza e, soprattutto, velocità. Tuttavia, fino a oggi, non tutti gli storici e gli archeologi credono nella leggenda del cavallo di Troia. Alcuni sostenevano che fosse una nave fenicia con sopra una testa a forma di cavallo, chiamata ippopotamo, mentre altri la chiamavano catapulta, simile alla testa di un cavallo.

Il trucco del cavallo di Troia

 

Da allora, si è diffuso in tutto il mondo il famoso detto “Attenti ai regali fatti dall’uomo greco”, che ricorda alle persone di essere vigili e impedire che i loro avversari entrino nei loro cuori. ”Cavallo di Troia” è diventato sinonimo di “guerra che scava il cuore”, metafora delle tattiche per penetrare nel cuore dell’avversario, tendere agguati nel campo nemico e per incontrarsi all’esterno, riferendosi generalmente a tattiche insidiose e segrete.

 

1 thought on “Il trucco del Cavallo di Troia, strategia greca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *