Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…

    Ciò che mangiamo e il modo in cui produciamo cibo sono importanti. I sistemi alimentari sono responsabili di oltre un quarto delle emissioni mondiali di gas serra.

    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma… Non possiamo affrontare completamente la crisi climatica senza ridurre l’impronta a effetto serra dei nostri alimenti. La questione sta diventando sempre più urgente, con l’aumento della popolazione mondiale e la fame causata dall’interruzione delle esportazioni di cibo a causa della guerra. Man mano che le persone diventano più ricche e più urbanizzate, cresce anche il consumo globale di carne e prodotti caseari.

    Il bestiame è la principale fonte di emissioni alimentari e la terza fonte globale di emissioni, con il 14,5%, dopo l’energia (35%) e i trasporti (23%).

    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…

    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…
    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…

    Per ridurre queste emissioni, molti sostengono la necessità di passare a diete ricche di vegetali o solo di vegetali. Ma le persone che hanno un attaccamento di lunga data alla carne sceglieranno davvero di cambiare? La nostra nuova ricerca suggerisce che il punto di forza è la dieta mediterranea, che include un po’ di carne pur rimanendo ricca di vegetali e sana.

    Qual è il problema?

    L’allevamento del bestiame richiede grandi superfici di terreno, oltre che apporti di acqua e mangimi. Una produzione zootecnica più intensiva è legata alla perdita di biodiversità, al degrado del territorio, all’inquinamento dei corsi d’acqua, all’aumento del rischio di malattie zoonotiche e la resistenza agli antibiotici.

    Sebbene siano in fase di sviluppo metodi per ridurre le emissioni del bestiame, la produzione è solo metà della storia. Per avere un impatto reale, dobbiamo considerare anche il lato della domanda.

    Senza ridurre la domanda complessiva di carne e latticini, è improbabile che le emissioni del bestiame diminuiscano abbastanza velocemente e in misura sufficiente. Nei Paesi ricchi come l’Australia, dove si gioca molto al casino NetBet, il consumo di carne e latticini è elevato. Ridurre questi consumi potrebbe ridurre le emissioni di gas serra e altri danni ambientali.

    Quale dieta dovremmo seguire?

    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…
    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…

    È chiaro che una dieta accettabile deve essere adeguata dal punto di vista nutrizionale. Sebbene la carne fornisca nutrienti essenziali, una quantità eccessiva è legata a malattie come il cancro. È importante considerare le credenziali ambientali e sanitarie di una dieta. A questo possiamo aggiungere anche il benessere degli animali, che tende a essere peggiore negli allevamenti intensivi.

    Speriamo che identificando diete sane, sostenibili dal punto di vista ambientale e con un migliore benessere degli animali, possiamo aiutare le persone a fare scelte alimentari sostenibili.

    Che cosa abbiamo scoperto?

    Abbiamo esaminato cinque comuni diete ricche di vegetali e valutato il loro impatto sull’ambiente (impronta di carbonio, uso del suolo e dell’acqua), sulla salute umana e sul benessere degli animali. Ci siamo concentrati sulla produzione alimentare nei Paesi ad alto reddito per le diete vegetariane.

    Le diete esaminate sono state:

    • Mediterranea (ricca di vegetali, con piccole quantità di carne rossa, moderate quantità di pollame e pesce)
    • flexitariana/semi-vegetariana (riduzione della carne)
    • Pescatariana (pesce, nessun’altra carne)
    • Vegetariano (senza carne, ma con latticini e uova)
    • Vegana (nessun prodotto animale)

    Tutte e cinque queste diete ricche di vegetali hanno avuto un impatto ambientale minore rispetto alla dieta onnivora, con le diete senza carne (vegana e vegetariana) che hanno avuto l’impatto minore.

    Dobbiamo tuttavia aggiungere l’avvertenza che le misure dell’impronta ambientale utilizzate per confrontare le diete sono semplicistiche e non tengono conto d’importanti effetti indiretti del cambiamento di dieta.

    Nel complesso, la dieta mediterranea è stata ritenuta la più salutare per gli esseri umani, mentre le diete vegane e vegetariane hanno ottenuto i risultati migliori per il benessere degli animali. Combinando tutte e tre le misure, le diete vegane e vegetariane sono risultate le più “sostenibili” in termini di riduzione dell’impronta alimentare, salute e impatto negativo sugli animali da allevamento.

    Sappiamo quali sono le diete migliori. Ma quale dieta sceglierà la gente?

    Spesso c’è un divario tra ciò che dovremmo fare in un mondo ideale e ciò che effettivamente facciamo. Per affrontare questo problema, abbiamo esaminato cosa le persone sono effettivamente disposte a mangiare.

    Per scoprirlo, abbiamo chiesto a 253 australiani cosa mangiano attualmente e quale delle cinque diete ricche di piante sarebbero disposti a mangiare.

    L’Australia è un Paese ad alto consumo di carne, quindi non sorprende che la maggior parte degli intervistati (71%) si sia identificata come onnivora.

    Non sorprende nemmeno che le diete che hanno avuto meno probabilità di essere adottate siano state quelle vegane e vegetariane, in quanto rappresentano un cambiamento importante nelle abitudini alimentari della maggior parte delle persone.

    Le diete vegetariane possono essere migliori per il pianeta, ma…

    Di conseguenza, è stata la dieta mediterranea, che comporta una piccola riduzione del consumo di carne, ad avere le maggiori probabilità di adozione. Grazie agli elevati benefici per la salute e al moderato impatto sull’ambiente e sul benessere degli animali, è stata identificata come la dieta migliore da promuovere.

    Sebbene alcuni di questi risultati possano sembrare intuitivi, riteniamo che combinando gli elementi sociali, ambientali, di salute umana e di benessere animale del consumo alimentare, si ottenga un quadro più completo per individuare le insidie e le soluzioni realistiche.

    Per esempio, è probabile che sia uno spreco di tempo e risorse preziose promuovere diete come quella vegana che, realisticamente, la maggior parte delle persone non è disposta a mangiare. Eppure, nonostante l’evidente mancanza di entusiasmo da parte delle persone, la maggior parte delle ricerche che valutano l’impatto ambientale delle diverse diete ha favorito le diete vegane e vegetariane.

    Ecco perché è importante avere una visione più ampia. Se vogliamo effettivamente ridurre il consumo di carne e latticini, dobbiamo utilizzare gli approcci che hanno le migliori possibilità di funzionare.

    Nei Paesi ad alto reddito come l’Australia, ciò significa che dovremmo promuovere la dieta mediterranea come la migliore dieta per iniziare ad affrontare la domanda di carne e latticini ad alta intensità di emissioni. Dobbiamo partire da un punto realistico per iniziare a creare un sistema alimentare globale più sostenibile.

    Related Articles

    3 Commenti

    1. Io preferisco seguire una dieta mediterranea, già devo mangiare senza glutine essendo celiaca e ho dovuto eliminare i legumi per altre problematiche, se poi tolgo anche la carne non so più cosa mangiare!

    2. Io seguo un’alimentazione equilibrata e mista anche se a dire il vero preferisco le verdure e la frutta alla carne che non mangio poi spesso.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui