Ostriche nella mitologia, 20 simboli

    Erano mangiati da contadini e re, apprezzati per perle e conchiglie, e più recentemente hanno cominciato a essere usate per purificare l’acqua. Ecco alcuni fatti più interessanti sulle ostriche.

    Ostriche nella mitologia e arte. L’uso delle conchiglie di ostriche risale a tempi antichi, hanno svolto un ruolo importante nelle credenze della storia umana. La parola ostrica deriva dal greco “ostreidi”. Il mollusco a due mascelle che vive nel mare è una conchiglia. La presenza di perle, ostriche e conchiglie nelle tombe di sumeri, babilonesi, tibetani, aztechi, inca, indiani, indiani d’America e indiani del Borneo in epoche successive mostra che anch’esse furono usate nello stesso senso. 

    Ostriche nella mitologia, 20 simboli
    Ostriche nella mitologia, 20 simboli

    Il guscio dell’ostrica simboleggiava un tempo la realtà ultraterrena, la forza vivificante e l’energia cosmica, il che spiega il suo uso nel riti di rinascita e sepoltura (le perle venivano poste in bocca).

    Ostriche nella mitologia e arte

    In Europa, l’allevamento delle ostriche iniziò nell’antica Roma. Fu lì che 2500 anni fa fu creato il primo parco delle ostriche: l’ ostrearium . Nell’antichità l’ostrica era l’alimento preferito di tutte le fasce della popolazione. Il metodo di coltivazione delle ostriche non è cambiato da allora. I Maya (VII secolo), gli architetti delle piramidi in America, stabilirono una civiltà altamente avanzata. Costruirono le piramidi con calcoli molto precisi in base ai risultati delle indagini usando gli equivalenti dei numeri che usiamo oggi.

    1. I Maya potevano rappresentare qualsiasi numero con solo tre simboli. È il guscio dell’ostrica, che rappresenta il punto, il trattino e il numero più significativo, lo zero. Oltre a questo, i Sumeri presero come fonte i simboli di base usati fino a quel giorno quando passavano per il cuneiforme; anche i loro scritti derivavano da questi simboli.
    2. Per i Greci, la perla dell’ostrica era un simbolo del matrimonio, personificavano il potere delle acque, la vita cosmica, il femminile. Inoltre, è un simbolo d’innocenza, purezza, verginità, perfezione, modestia e propensione alla solitudine. Non solo sono eleganti, sereni e belli, ma aggiungono un tocco di glamour a qualsiasi tua scelta di stile.
    3. A Cipro le conchiglie erano dedicate alla dea Afrodite, nata da un’ostrica. Secondo la mitologia greca, Zepheros, uno degli dei che risiedono nell’Olimpo, si innamorò di Afrodite, la dea dell’amore e della bellezza, e lo intrattenne facendolo girare intorno a un guscio di ostrica nelle scintillanti acque del Mediterraneo.
    4. Nell’antica Persia, la perla naturale significava verginità mentre la rottura della perla significava impiccagione e nascita. 
    5. I Cimmeri costruirono perle e ostriche insieme a corna di vacca (utero).
    6. In antico danese, l’ostrica era chiamata kudefish.
    7. Le donne Akamba indossavano cinture decorate con gusci di ostriche prima del parto, che veniva rimosso dopo aver dato alla luce il loro primo figlio.
    8. Le ragazze del sud dell’India indossavano collane fatte di conchiglie.
    9. In Florida, le tombe reali sono adornate di perle.
    10. Inoltre hanno scoperto uno spesso strato di conchiglie in cima a una piramide in Messico con tombe al centro. Negli Aztechi, la cozza dell’ostrica rappresentava la dea e l’oriente delle generazioni.
    11. Interessante che il nome femminile spagnolo Concepcion-Concha-Conchita significhi mollusco del tipo ostrica di cozze.
    12. Coloro che morirono in Egitto furono posti in bare con ostriche. 
    13. Le conchiglie hanno anche un posto importante nelle cerimonie funebri indiane. in queste cerimonie, le conchiglie venivano cosparse lungo la strada dalla casa del defunto al cimitero. 
    14. Questa usanza si ritrova anche nei riti nativi del Borneo. In alcune parti dell’Africa, le conchiglie sono state deposte sul fondo della tomba. 
    15. Gli ingressi dei villaggi del Togo sono decorati con idoli i cui occhi sono fatti di conchiglie e davanti a loro vengono poste offerte di conchiglie. 
    16. In altre regioni, le conchiglie venivano offerte a fiumi, sorgenti e alberi. 
    17. Per qualche tempo, le belle conchiglie sono servite come equivalente di scambio, cioè denaro.
    18. Le tribù dell’Oceania e altri popoli acquatici usavano le conchiglie come oggetti magici: accumulavano forza in esse, le usavano come dimora per gli spiriti alleati, ecc.
    19. L’usanza scozzese di mettere gusci di ostriche su davanzali, porte e perimetri di giardini è abbastanza comune in alcune parti dell’Inghilterra e dell’Irlanda.
    20. Le donne usano ancora attivamente gioielli di conchiglie: orecchini, perline, collane. È semplicemente bello e dà una buona energia sana.

    Ostriche: quali tipi esistono?

    Ostriche nella mitologia, 20 simboli
    tipi di ostriche

    Nella tradizione europea, è consuetudine mangiare in quei mesi le ostriche i cui nomi contengono la lettera “r”: da settembre ad aprile. Ce ne sono molti in natura: più di 50, ma solo 10-12 sono popolari nella gastronomia.

    Ostriche nella mitologia, 20 simboli

    Le conchiglie sono spesso un ricordo di viaggi e luoghi che hai raggiunto in riva al mare. Magari raccoglieranno polvere sullo scaffale, ma un giorno prenderai la conchiglia e l’avvicinerai all’orecchio così da sentire di nuovo il rumore del mare, evocando ricordi.

    Related Articles

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui