Pietra pomice piedi. Quale scegliere tra naturale e sintetica?

    La pietra pomice è considerata un prodotto per la cura del tallone. Di cosa si tratta, in cosa consiste, cosa succede e quali attrezzatura la può sostituire.

    Pietra pomice piedi. Quale scegliere tra naturale e sintetica? La pomice, un tipo di roccia vulcanica, è anche conosciuta come pietra del callo e pietra del tallone e viene utilizzata nella sua forma naturale senza alcun trattamento. Non ha alcun effetto chimico e viene utilizzata nella salute per la pulizia dei talloni, gomiti e altro. Grazie alla pomice, i tessuti morti sui talloni vengono rimossi e i talloni hanno un aspetto più sottile ed elegante. Per quali trattamenti viene usata?

    Cos’è?

    La pietra pomice piedi viene spesso definita un blocco di materiale poroso e ruvido che assomiglia a una spugna. In realtà, la pomice non è altro che una pietra vulcanica. Si forma mescolando la lava con l’acqua durante il processo di gorgogliamento per formare una struttura porosa. È una pietra naturale con particolari caratteristiche fisiche, utilizzata in vari campi di produzione.

    Pietra pomice piedi. Quale scegliere tra naturale e sintetica?
    Pietra pomice piedi. Quale scegliere tra naturale e sintetica? 5

    La pietra pomice minerale porosa per i piedi è piuttosto dura, anche se non pesante. La pietra schiumosa ha un tono naturale e, a seconda del deposito, può avere una tonalità diversa. Più ferro contiene, più è nero. In base al tipo di formazione e al luogo dei depositi, la pietra pomice piedi differisce per le dimensioni e la forma dei pori.

    Varietà naturale e sintetica

    Grazie allo sviluppo delle moderne tecnologie, la pietra pomice piedi non è solo naturale, ma anche sintetica. Ogni tipo di materiale ha le sue caratteristiche e differenze, la cui conoscenza consente di fare la scelta giusta della pietra pomice per l’uso sui talloni e pedicure. 

    Il minerale naturale è durevole e pratico, perfetto chi ha una predisposizione alle allergie. È ecologico, pratico e facile da usare. Rispetto alla sua controparte sintetica, ha un’elevata porosità e resistenza allo sgretolamento. Non provoca irritazione o danno alla pelle durante l’utilizzo.

    La pomice naturale è resistente all’abrasione. Si riconosce dai suoi caratteristici toni naturali, mentre l’analogo artificiale può essere dipinta in un colore innaturale. 

    • Tuttavia, questo prodotto per la cura dei piedi ha uno svantaggio significativo: assorbe l’umidità e impiega troppo tempo ad asciugarsi. Per questo motivo non è esclusa la possibilità di colonizzazione di microbi.

    La pietra sintetica è creata da una tecnologia speciale che utilizza una sostanza di scoria. La sostanza abrasiva di una pietra sintetica può essere carbone o zaffiro. Un tale strumento è efficace per rimuovere calli, crepe, calli secchi. 

    Pietra pomice piedi. Quale scegliere tra naturale e sintetica?
    Pietra pomice sintetica
    • Questa pietra pomice piedi ha molti vantaggi rispetto alla roccia naturale, è più economica e più resistente all’assorbimento di umidità. Inoltre, è inerte alla formazione di un ambiente microbico. 
    • Gli svantaggi della pietra pomice sintetica sono il forte sbriciolamento e il peso più pesante. Inoltre, tale pietra pomice è più pericolosa da usare, poiché può ferire la pelle durante la rimozione delle cellule morte. Viene prodotto negli stabilimenti metallurgici.

    Come scegliere una pietra pomice per i piedi?

    Per acquistare una pietra pomice ottima per la cura dei piedi, è necessario considerare una serie di sfumature. Questo minerale è venduto nelle farmacie e nei negozi di cosmetici specializzati. È presentato nella gamma più ampia. Ad esempio, puoi acquistare un blocco naturale, una pietra pomice thailandese, una grattugia in metallo affilata al laser o una spazzola a rullo.

    pietra pomice artificiale
    Pietra pomice artificiale con maniglia

    Anche la facilità d’uso è importante, che è determinata dal “montaggio”. Qualcuno preferisce usare una barra, altri preferiscono i modelli con maniglie. Le seconde opzioni sono più convenienti perché consentono di trattare la pelle cheratinizzata in punti difficili da raggiungere (ad esempio, nelle aree tra le dita). La dimensione è importante: il prodotto deve essere comodo da usare

    Per quanto riguarda la scelta tra una versione naturale o sintetica della pomice, vale la pena considerare che la roccia naturale è considerata il miglior rimedio con un lungo periodo di utilizzo. La pietra artificiale deve essere cambiata frequentemente. Al momento dell’acquisto, è necessario fare affidamento sulla dimensione dei pori stessi: più piccoli sono, più delicato è l’effetto esfoliante.

    Per trattare la pelle indurita dei talloni, cerca di acquistare una pietra pomice piedi con un abrasivo fine, poiché una pietra vulcanica a pori larghi può ferire la pelle. Per queste esigenze meglio preferire una pietra pomice naturale, creata naturalmente. Non si sbriciolerà durante l’esposizione ai piedi e non danneggerà la salute, poiché è adatto anche per chi soffre di allergie.

    Alla fine della manipolazione, la pietra pomice deve essere ben risciacquata e asciugata. Ciò impedirà ai germi di crescere al suo interno e durerà molto più a lungo.

    Come usarla correttamente?

    Grazie alla pomice, i tessuti morti sui talloni vengono rimossi e i talloni hanno un aspetto più sottile ed elegante. Ci sono alcuni punti importanti da considerare quando si puliscono i talloni con la pietra pomice piedi:

    • Prima di trattare i piedi, è necessario asciugarli con un asciugamano e disinfettare i siti di trattamento. I talloni devono essere strofinati con pomice quando sono asciutti o leggermente umidi. Se i talloni sono troppo ammorbiditi e lapidati, il tessuto vivo sano verrà lapidato insieme ai tessuti morti nella pelle del tallone, quindi la pelle si danneggerà.

    La pietra pomice non può essere utilizzata a secco. Rimuove efficacemente la pelle ruvida e morta dei talloni se vaporizzi i piedi in acqua calda prima della procedura di pulizia. In questo caso, puoi aggiungere all’acqua un decotto alle erbe, sale marino o amido. Durante il trattamento, è necessario sciacquare frequentemente lo strumento usato, poiché verrà contaminato dalle cellule morte della pelle rimosse.

    Non strofinare la pietra vulcanica sulla pelle. I movimenti delle mani dovrebbero essere circolari, leggeri e delicati. Altrimenti, puoi toccare lo strato sensibile della pelle, provocando irritazione e dolore. I movimenti lineari portano alla formazione di solchi traumatici. 

    • Alla fine delle manipolazioni, è necessario sciacquare i piedi con acqua pulita a una temperatura accettabile. Successivamente, puoi applicare una crema nutriente sulla pelle, scegliendo un prodotto con un complesso vitaminico o un effetto calmante e indossare i calzini. 

    La pietra pomice piedi non può essere utilizzata quotidianamente. Ciò non solo non darà un risultato ideale, ma provocherà anche la comparsa di ferite aperte, che rimanderanno a lungo l’uso della pietra minerale. 

    Non utilizzarla con la pelle sensibile e sottile dei piedi. Per eliminare la sfumatura giallastra del derma indurito, si aggiunge all’acqua un pò di perossido d’idrogeno.

    Pietra pomice piedi. Quale scegliere tra naturale e sintetica? La pomice, un tipo di roccia vulcanica, è anche conosciuta come pietra del callo e pietra del tallone e viene utilizzata nella sua forma naturale senza alcun trattamento.
    Pietra Pomice naturale

    3 Commenti

    1. ciao comodissima…io la raccolgo al mare ogni estate e la utilizzo dopo un bel bagno caldo, ma ho anche una macchinetta con queste pietre sintetiche

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Cristina Giordano
    Cristina Giordano
    Sono Cristina dalla Campania. Scrivo in SEO per il blogMag Appunti sul Blog. Lo sbocco naturale della mia passione per i viaggi, bellezza e benessere, moda e alimenti. Appassionata di Tecnologia, smartphone e App convinta che senza non possiamo vivere bene. Contattami per contenuti Web su [email protected]