Quanti grani ha un rosario? Breve storia del rosario

Quanti grani ha un rosario? Breve storia del rosario

Quanti grani ha un rosario? Breve storia del rosario

Le antiche scritture affermano che l’Universo è composto da 108 elementi che portano il principio più alto e che il diametro del Sole è circa 108 volte il diametro del nostro pianeta.

Quanti grani ha un rosario? I grani del rosario sono noti a quasi tutte le religioni monoteiste, ma nell’ebraismo contengono 99 grani, nel cristianesimo 50. L’uso dei grani del rosario ha profonde implicazioni filosofiche e religiose. Puoi distinguere il rosario di una religione da un’altra per il numero di grani e decorazioni. Uno strumento speciale conosciuto in una varietà di pratiche religiose e spirituali, che viene utilizzato per la concentrazione dell’energia spirituale del suo proprietario. Possono essere trovati nel buddismo, nell’islam, nel cristianesimo, nei vecchi credenti, ecc.

Quanti grani ha un rosario nelle diverse religioni

Quanti grani ha un rosario? Breve storia del rosario
Breve storia del rosario

Il numero di grani in un rosario varia a seconda della religione. Il nome stesso deriva dalla parola “contare” (onore), cioè fare una sorta di conteggio. 

  • Per l’Ortodossia, il numero dei grani dovrebbe essere un multiplo di 10. Molto spesso, ci sono perline di 100 + 3 perline dal nodo centrale in giù. L’accessorio utilizzato nell’Ortodossia termina con un pendente fatto di fili intrecciati o una croce.
  • Nell’insegnamento cristiano, il cattolicesimo, è accettato un numero diverso di perline. I grani del rosario cattolico hanno 33 o 50 grani. Il primo numero simboleggia gli anni terreni di Gesù, e il secondo, il numero di anni dalla data della sua morte alla stesura del primo libro sulla sua vita. Più tardi nel cattolicesimo apparvero i grani del rosario, contenenti 150 grani (o 15 dozzine). Ogni dozzina è un omaggio alla memoria dell’evento principale della vita di Cristo e di sua Madre.
  • Il rosario principale nel buddismo ha 108 grani. Questa figura simboleggia il numero di brahmana presenti alla nascita del Buddha. Tali grani del rosario sono dotati di divisori: grani di dimensioni maggiori. Anche nel buddismo si trovano spesso accessori con 18 (il numero dei discepoli del Buddha), 21 (il numero delle forme della dea Tara) e 32 grani (segni/dignità del Buddha). I grani del rosario sono tutti uniti da un unico sistema di centotto grani infilati su un filo e separati l’uno dall’altro da piccoli nodi. Una perlina in un rosario è chiamata grano e la combinazione di una perlina e un nodo è chiamata passo.
  • Nell’induismo esistono due tipi di rosario. I primi “appartengono” a Shiva e contengono 64 o 32 perline fatte con bacche di Rudraksha. Questi ultimi simboleggiano l’Assoluto Divino e hanno 108 grani. Secondo le regole, un rosario con un numero sacro di maglie dovrebbe essere fatto di legno di tulasi.
  • Il rosario islamico ha 99 grani. Questo numero è ciclico e corrisponde ai nomi divini. Tipicamente, il rosario è diviso in tre parti uguali. Esiste anche una versione abbreviata dell’attributo chiamata “tasbih” e composta da 33 perline.
READ  Crazy Factory: bigiotteria alta moda

Come è fatto il rosario

Quanti grani ha un rosario? Breve storia del rosario
Quanti grani ha un rosario?

Quanti grani ha un rosario? I grani del rosario, molto spesso, simboleggiano il numero di preghiere recitate. I rosari sono realizzati con vari materiali: legno, argento e pietre naturali. Il materiale con cui è realizzato il rosario non influisce sulla qualità e sul potere della preghiera, ma molti vogliono unire “l’utile al dilettevole” e scegliere il rosario da pietre e legna con proprietà curative. 

  • Queste sono pietre come agata, ametista, ematite, corniola, lapislazzuli, diaspro, serpentino, onice. 
  • Il legno comprende pioppo, pioppo tremulo, abete rosso, sorbo o ciliegio adatte per persone dall’animo instabile mentre per chi ha un carattere timido e malinconico si consigliano rosari in legno di quercia, betulla, cedro, ginepro, faggio o acacia.

I grani di preghiera sono perline infilate su un nastro/cordone. Di norma, le estremità sono fissate l’una all’altra, il che fa sembrare l’accessorio un pezzo decorativo. Perline o grani sono realizzati con una varietà di materiali: legno (cipresso, dattero, ginepro, ecc.), pietre naturali, perle, ceramica, semi, bacche, ecc. Al giorno d’oggi, i grani del rosario sono ampiamente utilizzati da buddisti ed esoteristi. Li puoi trovare nei negozi di articoli magici, esoterici e salutistici.

8 Tabù per l’uso dei rosari

La cosa principale da notare è la pulizia. 

  1. Non andare in bagno con un rosario al polso. Se devi andare puoi togliere il rosario e metterlo nella tasca della giacca, d’estate puoi appenderlo al collo.
  2. Non indossare il rosario o metterlo accanto al letto quando marito e moglie dormono insieme.
  3. Non indossare il rosario mentre fumi o tocchi cipolle verdi, aglio, porri o bevi alcolici.
  4. Quando il rosario non viene utilizzato o indossato, dovrebbe essere collocato nel tempio o davanti alla statua del Buddha. 
  5. Non toccare il rosario di altre persone a piacimento.
  6. Non mettere il rosario nella tasca dei pantaloni, figuriamoci nella tasca posteriore.
  7. Non toccare il rosario con mani che hanno toccato oggetti sporchi come carne o pesce. Lavatevi le mani prima di toccare il rosario.
  8. Non muovere o far oscillare il rosario a piacimento quando stai meditando e conta seriamente sopra la vita.

Breve storia del rosario

Breve storia del rosario. I grani del rosario sono diventati popolari fin dall’antichità. Si ritiene che i primi oggetti di questo tipo siano comparsi nel II millennio a.C. in India. Le persone nobili e facoltose portavano sempre con sé un rosario di pietre preziose e gemme e ad ogni occasione cominciavano a sistemarle. In molte religioni – Induismo, Islam, Buddismo, Cristianesimo – i grani sono ancora usati per contare preghiere, mantra o altre azioni rituali.

L’apparizione del rosario nel cristianesimo è associata ad Antonio d’Egitto e Pacomio il Grande che destinarono il rosario ai loro studenti non sempre istruiti, per ricordare la preghiera (Appello a Gesù), fece ripetere ai discepoli queste righe un certo numero di volte al giorno. Ma poiché i suoi studenti non contavano bene, gli fu data una corda. Dopo ogni recita della preghiera, i discepoli facevano un nodo alla corda.

3 thoughts on “Quanti grani ha un rosario? Breve storia del rosario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *