Rasiglia Umbria dove si trova e cosa vedere

    Un piccolo borgo medievale dove scorrono diversi ruscelli attraversati da ponti in legno, ricco di storia e magia. Alla scoperta di Rasiglia in Umbria 3 siti storici

    Rasiglia Umbria dove si trova e cosa vedere, detto il borgo dei ruscelli, è un piccolo paese situato in provincia di Perugia, nell’Italia centrale, a 18 km da Foligno. Un luogo di turisti e viaggiatori abitato da una quarantina di abitanti, mulini, acqua formata da ruscelli e cascate che sbattono contro i muri delle case. Il borgo, che ripercorre la sua storia fin dal medioevo, è conosciuto anche come la Piccola Venezia dell’Umbria e il Borgo dei Ruscelli. Ciò è dovuto al fatto che Rasiglia è attraversata da numerosi torrenti. 

    Alla scoperta di Rasiglia Umbria 3 siti storici
    Alla scoperta di Rasiglia in Umbria, detto il borgo dei ruscelli, un piccolo paese situato in provincia di Perugia

    Rasiglia Umbria dove si trova? Sorto sulla sorgente del fiume Capovena, il paese fu fondato all’inizio del Duecento per opera dei trinci, signori di Foligno, che per primi videro, in quei potenti zampilli d’acqua che scaturivano dalla terra, il luogo ideale per essere nasce quella che oggi chiamiamo la zona industriale. Grazie alla forza dell’acqua fa funzionare, mulini, telai e altre macchine per la produzione di stoffe e farine.

    Fino alla fine dell’ottocento la città era ricca di commerci e d’imprese artigiane: ha due fabbriche di lana, otto mulini, quattro banche e persino un ufficio postale. Tutto finisce, verso la metà dell’ottocento, con l’avvento dell’elettricità. Rasiglia è ricca di storia e tre dei suoi siti più noti sono i suoi edifici industriali, le rovine del Castello di Rasiglia e il Santuario della Madonna delle Grazie.

    Rasiglia il borgo dei ruscelli, cosa vedere in Umbria

    Rasiglia Umbria dove si trova e cosa vedere nel borgo medievale immerso nel verde delle colline umbre, con una cinquantina di case in pietra costruite sul pendio di una collina. Il paese è attraversato da stradine e ruscelli, quest’ultimi alimentati dalle acque del fiume Menotre. Non è difficile capire perché il paese sia conosciuto anche come la Piccola Venezia dell’Umbria. Rasiglia può far risalire la sua storia al periodo medioevale, con le prime notizie che citano il borgo risalenti agli inizi del XIII secolo.

    Il paese in quel momento era un importante insediamento, grazie alla sua vicinanza alla Via della Spina. Questa strada, notevolmente più antica di Rasiglia, poiché istituita in epoca romana, collegava la costa adriatica a Roma. Divenne un centro dell’industria rurale sfruttando la potenza idraulica fornita dai suoi numerosi corsi d’acqua. All’inizio il villaggio prosperò ma con il passare del tempo, però, Rasiglia perse la sua importanza, forse a causa della diminuzione d’importanza della strada.

    Alla scoperta di Rasiglia Umbria 3 siti storici
    Alla scoperta di Rasiglia in Umbria

    Castello di Rasiglia: Dimora della Casa dei Trinci

    Rasiglia Umbria dove si trova e cosa vedere. Una delle principali attrazioni turistiche del paese sono i ruderi del Castello di Rasiglia. Il castello è legato alla casata dei Trinci, storica famiglia nobile umbra. Durante il XIII e XIV secolo, quando vari papi si scontrarono con i Sacri Romani imperatori, i Trinci appoggiarono i primi, e divennero la famiglia regnante di Foligno. Durante il loro periodo al potere, i Trinci costruirono molti castelli per difendere le loro terre. Uno di questi era il Castello di Rasiglia, strategicamente posizionato sulla collina che sovrasta il paese.

    Il castello è stato progettato in forma irregolare, in modo da sfruttare appieno le caratteristiche naturali della collina. Oltre ai suoi scopi difensivi, fungeva da residenza per i Trinci quando questi giunsero in paese. Nel corso dei secoli, però, il castello cadde in rovina. Nel 2006 sono stati eseguiti alcuni lavori di restauro e di conseguenza sono oggi visitabili parti del castello, come un tratto di mura con torri difensive e i ruderi del mastio principale.

    Santuario della Madonna delle Grazie di Rasiglia

    Alla scoperta di Rasiglia Umbria 3 siti storici
    Santuario della Madonna delle Grazie di Rasiglia – gli ex voto

    Rasiglia Umbria dove si trova e cosa vedere della seconda attrazione di Rasiglia, il Santuario della Madonna delle Grazie fu costruito poco dopo la caduta del potere della famiglia Trinci. Nel corso del XV secolo, Corrado III, l’ultimo Trinci sovrano di Foligno, per la sua ostentata esibizione di potere, finì dalla parte sbagliata del Papato. Di conseguenza Foligno fu conquistata dal cardinale Giovanni Maria Vitelleschi l’8 settembre 1439, ed entrò a far parte dello Stato Pontificio.

    Nel 1450 Antonio Bolognini, vescovo di Foligno, ordinò la costruzione del santuario. Secondo la credenza popolare, nel sito è stata rinvenuta una statua della Madonna. Inoltre, nelle vicinanze del santuario si trova una grotta con una sorgente, le cui acque si ritiene possiedano proprietà miracolose. Lo testimoniano le pareti della chiesa, ricoperte di ex voto.

    Sebbene il santuario sia stato costruito nel 1450, nei secoli successivi furono apportate integrazioni. Il santuario ha un impianto semplice: “a navata unica con campanile, all’interno, l’abside semicircolare è di costruzione più recente ed è posta sopra una cripta. Le pareti laterali furono rialzate in concomitanza con la costruzione di una cappella laterale del XVI secolo, davanti alla facciata c’è un portico”.

    Nonostante il suo design semplicistico, il santuario è decorato con bellissimi affreschi, che furono realizzati dai maestri folignati nel corso del XV secolo. Il più antico di questi affreschi è datato 1454 e si trova sulla parete destra dell’edificio. L’affresco raffigura la Madonna delle Grazie che protegge i fedeli dalla peste. Proprio questo ruolo, della Madonna protettrice della popolazione locale dalla peste, ha fatto guadagnare al santuario il nome. Altri affreschi includono la Crocifissione e vari santi.

    Rasiglia il borgo dei ruscelli, cosa vedere nella piccola Venezia dell’Umbria

    RASIGLIA Il borgo delle acque – Umbria – 4k

    Rasiglia Umbria dove si trova e cosa vedere. Nonostante il suo declino dopo che la Via della Spina romana divenne meno significativa, Rasiglia seppe reinventarsi come centro d’industria rurale, sfruttando la forza idraulica fornita dai suoi torrenti. Ciò è evidente nei resti di edifici industriali come gualchiere, mulini per cereali e fabbriche di lana e tintorie nel villaggio. Alcuni di questi antichi edifici sono stati restaurati ai giorni nostri e trasformati in attrazioni turistiche. 

    Il vecchio mulino, ad esempio, è stato ristrutturato e, oltre agli oggetti di artigianato in esposizione, è possibile visitare anche l’antica mola del mulino, che si trova ancora nella sua posizione originaria. Un altro edificio restaurato è il lavatoio, che racconta la storia dell’industria tessile locale.

    Penelope a Rasiglia – evento a giugno

    Alla scoperta di Rasiglia Umbria 3 siti storici
    Associazione Rasiglia in Umbria

    Rasiglia Umbria dove si trova? Rasiglia è una perla nascosta poco conosciuta, anche tra le persone che vivono in quella regione. Il piccolo villaggio merita sicuramente una gita fuori dai sentieri battuti. Oltre alle sue bellezze naturali, vale sicuramente la pena prestare attenzione alla ricca storia di Rasiglia. La storia del paese, inoltre, non si limita ad antiche strutture e manufatti, ma viene celebrata anche nell’annuale festa di Penelope a Rasiglia

    Altre attività durante la manifestazione sono legate anche all’industria tessile del paese, tra cui la tosatura delle pecore e la tintura della lana. Considerando, però, che oggigiorno il paese ha pochi abitanti, ci si può chiedere per quanto tempo ancora queste tradizioni e gli antichi mestieri si manterranno vive.

    4 Commenti

    1. Che posto incantevole! Sembra uscito da un libro di favole. Non sapevo della sua esistenza ma lo metto tra i posti da visitare.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Cristina Giordano
    Cristina Giordano
    Sono Cristina dalla Campania. Scrivo in SEO per il blogMag Appunti sul Blog. Lo sbocco naturale della mia passione per i viaggi, bellezza e benessere, moda e alimenti. Appassionata di Tecnologia, smartphone e App convinta che senza non possiamo vivere bene. Contattami per contenuti Web su secretpuzzle12@gmail.com