S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme-di-roma

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme-di-roma

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?

Un luogo di culto con un aspetto di una fatiscente casa di fango che fungeva da bagni pubblici e terme.

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle Terme di Roma è una chiesa dedicata alla Madre di Dio, agli angeli e ai martiri e si trova in Piazza della Repubblica che, in origine, era il più grande bagno pubblico di Roma, dall’aspetto di una fatiscente casa di fango. Circa 200 metri a sud-est di Piazza San Bernardo a Roma, si trova Piazza della Repubblica dove si trova la principale stazione degli autobus a lunga percorrenza. Attraversando la Fontana del Dio Fiume al centro della piazza, sul lato nordest della piazza, si trova la chiesa di “Santa Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma” costruita con mattoni rossi in stile barocco. 

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle Terme di Roma, fu l’ultimo progetto architettonico di Michelangelo. In data odierna questa chiesa ospita le cerimonie ufficiali della Repubblica Italiana. La chiesa fu edificata grazie al monaco siciliano Antonio del Duca, che per 34 anni ne cercò la costruzione con tutti i mezzi a sua disposizione. Molto affascinanti i negozi e bar che, nelle notti estive, sono pieni di posti a sedere e vivaci. Un luogo perfetto per vivere la vita serale italiana. 

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, cupola

Ex terme di Diocleziano

La Piazza della Repubblica era piena di stabilimenti balneari nell’antica Roma. Il predecessore di questa chiesa erano le ex Terme di Diocleziano, che era il più grande bagno pubblico di Roma. Nel 1563, Michelangelo utilizzò le rovine della sala dell’acqua calda nello stabilimento balneare per trasformarlo nella Chiesa di Nostra Signora.

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma

Secondo la leggenda, le ex terme di Diocleziano, un bagno pubblico, è stato costruito dai martiri, in seguito due architetti, Giuliano da Sangallo e Baldassarre Peruzzi, hanno avuto da tempo intenzione di cambiare aspetto a questo bagno pubblico, ma non è stato possibile fino al 1561. Fu solo durante il mandato di Papa Pio IV che S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme, fu consacrata come luogo per salutare angeli e martiri.

Il Papa affidò prima il progetto della chiesa di S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme a Michelangelo, che disegnò la pianta della chiesa a croce greca, cioè la verticale e l’orizzontale sono uguali. Nel Settecento, per celebrare l’anno santo del 1750, l’intero edificio fu rimaneggiato dall’architetto Luigi Vanvitelli per completare l’aspetto attuale. 

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
ingresso alla chiesa avviene attraverso due porte in bronzo

L’ingresso alla chiesa avviene attraverso due porte in bronzo dell’artista polacco Igor Mitoray, completate nel 2005. Il suo ingresso ricorda il Pantheon e il patio è alto 91 metri, che è il limite dell’architettura dell’epoca. Dalle superfici metalliche delle porte emergono tre figure con le mani amputate, un accenno alle statue classiche danneggiate esposte in un vicino museo. Sulla porta di sinistra è la Madre di Dio e l’Arcangelo Gabriele, che simboleggiano l’Annunciazione. A destra è Gesù, smembrato con una croce, che simboleggia la Resurrezione. Sui lati interni delle porte sono grandi figure di arcangeli.

Cupola della Basilica 

La base della cupola rimane dell’epoca delle terme romane. La cupola è ricoperta di rosette e il suo oculo decorato con una moderna vetrata intitolata “Luce e tempo”, creata nel 1999. I tentativi di Michelangelo e Vanvitelli d’installare una lanterna nella cupola fallirono. Anche la finestra, installata nel XX secolo, iniziò a far passare la pioggia. 

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
Cupola trasparente – Occhio di Narciso

L’occhio di Narciso con un diametro totale di circa 3 metri è assemblato da otto segmenti sferici. Il disco giallo centrale rappresenta il Sole. Progettate dall’astronomo messicano Salvador Cuervas, tre lenti prismatiche focalizzano il Sole sul pavimento agli equinozi e ai solstizi. La cupola di vetro non poggia direttamente sul tetto, ma è collegata a esso tramite tre sfere in acciaio dorato, lasciando uno stretto interstizio per la ventilazione.

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, cupola

All’inizio del XX secolo, la facciata principale di S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, realizzata nel XVI secolo fu demolita per ridisegnare le mura di epoca romana. L’area dell’aula è modificata da un antico caldarium e il transetto è ricavato da un antico tepidarium: una serie di singolari pilastri megalitici in granito reggono tre archi a croce. 

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
Dedicazione della Vergine alla Chiesa Madre” (1640) di Giovanni Francesco Romanelli (1640).

Nel santuario sono conservate due famose tele, “Martirio di San Sebastiano” (1629) del Domenichino, e “Dedicazione della Vergine alla Chiesa Madre” (1640) di Giovanni Francesco Romanelli (1640).

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
Pavimento con mosaici

La Chiesa di Nostra Signora degli Angeli era un tempo sede del Museo Nazionale Romano, ed è uno dei luoghi più importanti per conoscere questa antica città. C’è una notevole collezione di manufatti romani, ma ora le collezioni sono state spostate nel Palazzo Massimo e nel Palazzo Altemps da poco completati.

La meridiana di Bianchini

All’inizio del XVIII secolo, papa Clemente XI incaricò l’astronomo, matematico, archeologo, storico e filosofo Francesco Bianchini di tracciare una linea meridiana sul pavimento della basilica sul pavimento sul lato destro del transetto al inizio del XVIII secolo. Questo meridiana costruita per il Giubileo del 1700, aveva tre compiti. 

  • In primo luogo, il Papa ha voluto verificare l’esattezza del calendario gregoriano appena introdotto su di esso. 
  • In secondo luogo, aveva bisogno di uno strumento per individuare la data esatta per la Pasqua. 
  • Terzo, il papa vanitoso voleva che Roma avesse la stessa meridiana della cattedrale di Bologna.

La Meridiana di Bianchini, costruito a Santa Maria degli Angeli, è lunga 45 metri. È realizzato in bronzo rivestito di marmo bianco-giallo. La meridiana di Bianchini fu costruita lungo il meridiano che attraversa Roma a una longitudine est di 12,5 gradi. La scelta cadde su questa basilica, perché, essendo parte delle antiche terme, era orientata rigorosamente a sud. La luce del sole colpisce il pavimento attraverso un piccolo foro nel muro. Al solstizio d’estate, il raggio tocca la linea meridiana alla sua estremità più vicina al muro. 

la meridiana di Bianchini
La meridiana di Bianchini

Al solstizio d’inverno, invece, il raggio attraversa La meridiana di Bianchini all’estremità più lontana dalla parete. A uno qualsiasi degli equinozi, il raggio passa al centro della linea. Più lunga è la linea meridiana, più accuratamente l’osservatore può calcolare la lunghezza dell’anno. Oltre all’uso descritto della linea, Bianchini aggiunse diversi fori nel soffitto per osservare il passaggio delle stelle. Intorno alla meridiana ci sono diversi pannelli con immagini intarsiate dei segni zodiacali.

Nella chiesa è installato anche un piccolo pendolo di Foucault.

S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?
S. Maria degli Angeli e dei Martiri alle terme di Roma, bagni o chiesa?

Un’impresa incredibile aver trasformato uno stabilimento balneare in una chiesa, ed è davvero un edificio fantasioso.

All’ingresso della sagrestia si trova una Statua di Galileo. La statua, alta circa 5 metri, è stata inaugurata nel 2010. È interessante notare che il progetto della scultura è stato sviluppato da un fisico che ha ricevuto il Premio Nobel per questa scienza nel 1957.

Roma non è stata creata in un giorno, e il viaggio a Roma non si completa affatto in un giorno. La scrittrice italiana Silvia Negro ha persino detto:

Basilica di S. Maria degli Angeli e dei Martiri – Roma

“Roma, non basta una vita”.

Silvia Negro

Come arrivare a Basilica Di Santa Maria Degli Angeli E Dei Martiri a Roma con Bus, Metro o Treno?

Indicazioni con i mezzi pubblici

Queste linee hanno fermate in corrispondenza di Basilica Di Santa Maria Degli Angeli E Dei Martiri

Indirizzo: Piazza della Repubblica, 00185 Roma RM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *