Storia dei pantaloni a zampa anni 60

Storia dei pantaloni a zampa anni 60

Storia dei pantaloni a zampa anni 60

Una tendenza diventata rapidamente un fenomeno negli anni ’60 e ’70 fortemente influenzata dal movimento hippy.

Storia dei pantaloni a zampa anni 60, una ribellione del movimento hippy, una moda un po’ eccentrica, un look a volte sciatto con pantaloni a zampa di elefante, gonne a strati, stropicciate come nomadi, stile conosciuto come “moda della cultura delle minoranze”. Ritornare alla natura, amare il comfort ed essere liberali è il “motto” del mondo ribelle degli hippy. I pantaloni a zampa d’elefante fanno parte del look hippies, la tendenza più in voga negli anni 60 e 70. Negli anni ’90, i pantaloni a zampa non erano più nella loro “età dell’oro”, venendo sostituiti da pantaloni con gambe strette come pantaloni dritti, affusolati o svasati.

Storia dei pantaloni a zampa di elefante

L’origine dei pantaloni a zampa è sconosciuta, ma all’inizio del XIX secolo i pantaloni a campana erano indossati dalla Marina degli Stati Uniti. Questo è lo stile di pantaloni a zampa originale dei primi anni, quando apparve con il movimento Hippies.

Storia dei pantaloni a zampa anni 60
Marinaio in divisa, 1854

Gli anni ’70 sono stati anche un periodo di estremo sviluppo della moda mondiale. I pantaloni a zampa di elefante hanno iniziato a fare irruzione a metà degli anni ’60 in Europa e nel Nord America alla fine degli anni ’60 e negli anni ’70. Alla fine degli anni ’80, i pantaloni a zampa erano una moda popolare in Europa, negli Stati Uniti e in Occidente. Sud Africa, Giappone e Australia.

Storia dei pantaloni a zampa anni 60
Gruppo musicale Abba anni 70

È stata la musica ad accendere la moda come ci indica la storia dei pantaloni a zampa di elefante. La famosa band Slade all’epoca abbandonò ufficialmente stivali e bretelle bovver negli anni ’60 e promosse pantaloni a zampa negli anni ’70. La loro musica è per la classe operaia, quindi la loro influenza e diffusione sia nella musica che nella moda è enorme. Nell’aprile 1974, il gruppo Abba ha vinto il concorso musicale a Brighton, in Inghilterra. 

Questa tendenza è diventata rapidamente una moda preferita non solo per le donne ma anche per gli uomini che indossano questi pantaloni a zampa di elefante. Il movimento hippy era in realtà una protesta dei giovani contro la società americana di quel tempo e la guerra in Vietnam. In quel momento, le donne iniziarono a difendere l’uguaglianza e i diritti come gli uomini del mondo, e questa moda dei pantaloni a zampa rappresenta in parte anche il loro desiderio per la libertà e l’uguaglianza.

Come indossare i pantaloni a zampa di elefante

I pantaloni a zampa in generale non stanno bene a tutte le silhouette. Lo stile liberale, che unisce classico e moderno con il vantaggio della facilità di coordinazione, è il motivo per cui i jeans a zampa degli anni ’70 sono amati da stilisti famosi, star e anche giovani. I materiali sono realizzati con fibre naturali come cotone, canapa, lana, poliestere e denim. I pantaloni a zampa devono essere indossati con scarpe alte, i bordi possono coprire le scarpe.

Storia dei pantaloni a zampa anni 60
  • Se hai le gambe lunghe, questo stile di pantaloni ti aiuterà a slanciarti. Ricorda di abbinare una camicia semplice e di abbinare un paio di tacchi alti come “bonus” per aggiungere altezza!
  • Se sei bassa, la scelta dei pantaloni a zampa sarà meno opportuna. 
  • Se hai cosce larghe e gambe corte, questi svantaggi saranno abilmente nascosti dai pantaloni a zampa.
READ  Scarpe con tacchi alti la vera storia e curiosità

La storia dei pantaloni a zampa di elefante e la moda dell’epoca mostrava uno spirito libero con taglie ampie o selvaggio con motivi colorati di piante e fiori. Se sai come scegliere la forma e la svasatura dei pantaloni giusti per la tua altezza o coscia, chiunque può indossare un pantalone a zampa di elefante. Senza dubbio questo stile di pantaloni aiuta a farti sembrare più alta e allungare le gambe.

2 thoughts on “Storia dei pantaloni a zampa anni 60

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *