Storia dell'ombrello, usi nella storia

Storia dell'ombrello, usi nella storia

Storia dell’ombrello, usi nella storia

Uno strumento essenziale nella vita quotidiana per protezione dal sole splendente, pioggia battente o dalla neve.

Storia dell’ombrello, usi nella storia risalente a migliaia di anni fa. Gli ombrelli sono usati come ornamenti e come mezzo di protezione dalla pioggia e dalla luce solare. La parola ombrello deriva dal latino umbra, che significa ombra. Tuttavia, quando viene utilizzato come protezione contro il sole, viene indicato come ombrellone. La parola parasole deriva da para, che significa stop, o contro, e sol, che significa sole. L’ombrello moderno è costituito da uno schermo circolare in tessuto o plastica teso su nervature incernierate che si irradiano da un palo centrale. Le nervature incernierate consentono di aprire e chiudere lo schermo in modo che l’ombrello possa essere trasportato con facilità quando non è in uso.

Come e da chi è stato inventato l’ombrello

Storia dell’ombrello, usi nella storia e nella religione dove ha svolto un ruolo importante nel plasmare l’atteggiamento della società nei suoi confronti e nel garantire la sopravvivenza dell’ombrello fin dai tempi antichi. La prima menzione di un ombrello è stata trovata in documenti dell’XI secolo a.C. In Egitto e in Cina, era indossato da nobili e re, proteggendosi dal sole. Si presume che il primo ombrello sia stato inventato 4.000 anni fa. 

Gli ombrelli si trovano anche nei disegni delle antiche civiltà egizia, greca, assira e cinese che stanno ancora emergendo. Sono stati inventati principalmente per proteggere le donne dal sole perché a quel tempo era più attraente per le donne avere la pelle bianca. Questi ombrelloni che proteggono dal sole sono stati inventati usando la carta.

Storia dell'ombrello, usi nella storia
Ombrelli in Egitto

Gli archeologi e storici pensano che i semplici ombrelli siano stati inventati nell’antico Egitto e usati principalmente per proteggersi dalla pioggia, ma erano anche usati dal clero d’élite per proteggersi dal sole. Questi ombrelli, fatti di foglie di palma e papiro attaccati a un bastone, erano tenuti dai servi e visti come un simbolo di autorità per i governanti.

Storia dell'ombrello, usi nella storia
Ombrello usato in Assiria

La storia dell’ombrello va avanti da molto tempo, le persone usano questo accessorio da più di un millennio. Nell’antica Roma, sembravano un cono. In Mongolia e in India, gli ombrelli erano attaccati al trono ed erano un simbolo di potere. È possibile imbattersi in ombrelli in antiche opere d’arte sopravvissute a civiltà antiche come l’Antico Egitto, l’Assiria e la Cina. Sulla scultura in legno nell’immagine, si vede che il re assiro Sennacherib, che governò tra il 705-681 a.C., usò una sorta di ombrello mentre guidava il suo esercito.

Ombrelli impermeabili

Storia dell’ombrello, usi nella storia. I cinesi furono i primi a usare gli ombrelli per proteggersi dalla pioggia. I cinesi coprivano il tetto dell’ombrello di carta oleata con uno strato impermeabile di cera. Per essere più durevoli, gli ombrelli venivano prodotti con le parti del tetto in pelle, le assicelle di osso di balena e i manici di legno, ma questi ombrelli erano piuttosto pesanti. Nelle civiltà egizia, greca e assira, le persone generalmente preferivano non lasciare le loro case in caso di pioggia o neve, quindi non avevano bisogno di protezione dalle precipitazioni. Ma a causa delle forti piogge in Cina, tutti avevano bisogno di protezione dalle precipitazioni. Per questo in Cina sono stati prodotti i primi ombrelli impermeabili. Questa produzione consisteva in ombrelli di carta cerata e lucidata.

Storia dell'ombrello, usi nella storia
Ombrelli in Cina

Storia dell’ombrello, usi nella storia. In India, era considerato una misura di potere: più la persona era importante, più ombrelli aveva il suo seguito. Il re aveva 13 ombrelli, uno indicava il sole, altri erano disposti intorno a lui, a simboleggiare i dodici segni zodiacali.

Chi ha inventato l’ombrello?

Storia dell’ombrello, usi nella storia. L’ombrello, ampiamente utilizzato nelle civiltà antiche, divenne popolare nei paesi occidentali nel XVI secolo. L’ombrello, che in precedenza proteggeva dal sole, ha iniziato a proteggere dalla pioggia e dalla neve, soprattutto in Nord Europa e Nord America. Gli ombrelli arrivarono nell’antica Grecia dall’Oriente e furono usati dalle le donne di Roma. Nel 17° secolo, gli abitanti della Francia chiamavano l’ombrello per proteggersi dal sole – “ombrellone“. Aveva un manico d’osso e la parte superiore era di lino cerato.

Usati da un gruppo di persone per molti anni, gli ombrelli furono lanciati in Europa nel 1500 e presto divennero di moda tra le donne. Fino al 1700 le donne vedevano l’ombrello come uno strumento accessorio e usavano ombrelli piccoli, eleganti e colorati per proteggersi il viso dal sole. Ci sono state anche sfilate di moda a Parigi dove sono stati esposti gli ultimi modelli di ombrelli.

Il primo ombrello esclusivo è stato della regina Maria Antonietta, del peso di un chilo e mezzo, la cui struttura è in osso di balena. Quindi una nuova posizione apparve nel palazzo: “portaombrelli onorario”.

Storia dell'ombrello, usi nella storia
Ombrello in Francia

Storia dell’ombrello, usi nella storia. Sotto Luigi XIV, quasi tutte le strade di Parigi erano piene di portaombrelli. Potrebbero anche essere affittati sotto la pioggia. E nella primavera del 1715 realizzarono il primo ombrello pieghevole della storia. È successo a Parigi. La moda per gli ombrelli in Russia è apparsa solo nel XVIII secolo. Gli ombrelli di pizzo poco pratici erano particolarmente popolari.

Dal 1750 l’ombrello è stato utilizzato come mezzo di protezione dalla pioggia. Il viaggiatore e scrittore britannico Jonas Hanway iniziò a vagare per le strade di Londra nel 1750 con un ombrello visto come un accessorio femminile. Sebbene sia stato ridicolizzato dalla gente all’inizio, Hanway non ha rinunciato a questa idea e ha reso l’ombrello popolare tra gli uomini. Tanto che per un po’ gli ombrelli sono stati chiamati “Hanway”. Nell’Ottocento gli ombrelli venivano presentati in tutte le varietà, diverse forme e colori. Ma l’inventore Fox ha fatto colpo realizzando un ombrello su una struttura in metallo, portando il design alla perfezione.

Evoluzione dell’ombrello

Storia dell’ombrello. Nel 1830 fu aperto a Londra il primo negozio di ombrelli al mondo, chiamato James and Sons, si trova ancora oggi al 53 di New Oxford Street. Nel 182, Samuel Fox ha prodotto il primo ombrello in filo di acciaio che è il padre dell’ombrello ormai utilizzato in tutto il mondo. Nel 1928, il tedesco Hans Haupt sviluppò il design di Fox e progettò il primo ombrello portatile che può essere piegato e trasportato in una borsa.

Storia dell'ombrello, usi nella storia
Ombrello pieghevole moderno

Storia dell’ombrello nel tempo. La maggior parte degli ombrelli in diversi colori e design utilizzati oggi sono realizzati in nylon impermeabile. Il telaio, la maniglia e le parti della maniglia in alluminio rivestito in teflon o fibra di vetro rendono l’ombrello molto più leggero.

3 thoughts on “Storia dell’ombrello, usi nella storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *